Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

L'eccidio in Algeria. Perché gli integralisti uccidono (Archivio Fini: per abbonati)

L'Indipendente del 9 luglio 1994

I sette marinai italiani trucidati a Diendjen sono, com'è ovvio, vittime innocenti di un barbaro eccidio, ma non si può dire con altrettanta sicurezza che il cosiddetto Occidente, e, con esso, l'Italia, non vi abbiano qualche responsabilità. 

Due anni e mezzo fa il Fronte Islamico di Salvezza (Fis) vinse con schiacciante maggioranza le prime elezioni libere indette in Algeria.

Si trattava di un primo turno, ma tutto faceva supporre che al secondo il risultato sarebbe stato confermato. Di fronte a questa prospettiva i militari algerini, al potere da più di trent'anni in regime di partito unico, annullarono le elezioni. La motivazione del colpo di Stato, appoggiato dalla borghesia e dall'intellighenzia locali, di cultura europea, era che se il Fis fosse andato al potere avrebbe instaurato una dittatura. Cioè in nome di una possibile, eventuale, futura dittatura del partito che aveva liberamente e democraticamente vinto le elezioni se ne instaurava, anzi se ne ribadiva, un'altra, quella di una minoranza che le elezioni le aveva perse e che governava già, da oltre trent'anni, il Paese nel più illiberale, antidemocratico, brutale e sanguinoso dei modi.(...)

Continua a leggere: entra nella parte riservata o abbonati e sostieni La Voce del Ribelle.

I nostri Editori

RASSEGNA STAMPA DEL 28/10/2008

RASSEGNA STAMPA DEL 27/10/2008