Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Anteprima numero 16 - gennaio 2010

Clicca qui per l'anteprima in pdf


Neurodelirium Found
di Massimo Fini

Un giovane genietto di nazionalità per ora sconosciuta, ma probabilmente di origine napoletana se non di residenza, ha creato una singolare azienda, per ora piccola ma già fruttuosa, chiamata "Neurodelirium Found" (NEFO in sigla). Si tratta di un fondo di psicolabili internazionali, particolarmente utilizzabili in prossimità delle feste religiose o in estate perché si sa che questi soggetti in tali periodi perdono anche gli ultimi freni inibitori, cui Potenti e Potentati della terra, previo un congruo compenso in nero attinto dalle riserve occulte dei Servizi, possono attingere quando si trovino in particolari difficoltà (...)


Il 2010 del Ribelle
di Valerio Lo Monaco

Al momento in cui andiamo in stampa non abbiamo ancora i dati definitivi del mese di dicembre. Quelli della prima quindicina, però, sono più che sufficienti. Per dipingere una situazione allarmante, culturalmente ancora prima che economicamente: le librerie, in un periodo tipicamente fertile per la vendita di libri, hanno registrato un decremento del 35% nel volume delle vendite. Aggiungiamo un dato, forse superfluo al momento, ma utile per un ragionamento che faremo a breve. Ebbene, i due più venduti quotidiani italiani, hanno dei dati di vendita ufficiali (dei dati: il che è tutto dire) desolanti (...)


Dubai: altro giro, altra bolla
di Federico Zamboni

È un’altra certezza che se ne va, la crisi che ha colpito “Dubai World” e che ha indotto la holding araba a chiedere la ristrutturazione del debito. Quello che è accaduto, infatti, non riguarda un singolo soggetto – sia pure ramificato come questo colosso che spazia in ambiti molto diversi, dall’edilizia alle banche, e dalla gestione dei porti a quella del Cirque du Soleil – ma l’intera categoria dei cosiddetti “fondi sovrani” (...)


Intervista ad Alain de Benoist: "Nostalgia del futuro"
di Valerio Lo Monaco

Alain de Benoist ad ampio raggio, come la sua cultura e curiosità enciclopediche. Sulla post modernità, la storia, la decrescita, il ruolo degli intellettuali, il senso del ribelle. Piccolo estratto di una intervista fiume, presto disponibile integralmente in video sul nostro sito (...)

 

Gli alberi della laguna
di Francesco Bertolini

Nell’antica Repubblica di San Marco ai  piromani e a chi era sorpreso a tagliare un albero abusivamente, attentando al delicato  equilibrio idrogeologico della laguna di Venezia venivano inflitti  quindici anni di esilio «da tutte  le terre e  i luoghi del serenissimo dominio» e ai recidivi sette anni di  galera; erano considerati farabutti della peggior specie (...)


Il Clima: una questione di civiltà e destino
di Eduardo Zarelli

Il vertice sul clima recentemente svoltosi a Copenhagen ha certificato – quantomeno - la consapevolezza generalizzata della drammatica cesura tra la civilizzazione industriale e l’ambiente, tra cui i primi responsabili che sono gli Stati Uniti e la Cina. Ancora a Kyoto nel ’97 erano molti i riluttanti che si nascondevano dietro la stucchevole querelle tra scienziati scettici o persuasi schierati ad avanspettacolo, quando i più preveggenti, descrivono l’evoluzione possibile dello sconquasso climatico, parlando di guerra (...)


Berlusconi rockstar? Ma non rocker!
di Alessio Mannino

La rivista Rolling Stone ha ragione: Berlusconi è una rockstar, una “icona pop”, come sostiene da tempo Giuliano Ferrara, uno dei suoi Mogol di fiducia. Narciso, ossessionato dal voler piacere a tutti («Faccio tutto per essere amato») e strappare l’applauso, le prime pagine dei giornali, la simpatia dell’italiano medio (la bandana, le corna, le  barzellette), tipicamente moderno nell’inseguire la giovinezza eterna (i lifting, le cure ringiovanenti), a 73 anni suonati “utilizzatore finale” di donnine che si concedono per soldi, candidature o appalti (...)

 

Moleskine gennaio 2010


Minareti e dintorni
di Fulvio Lo Monaco

Questa volta la Corte di Strasburgo non dovrà pronunciarsi sulla recente decisione della Svizzera,  intesa a vietare la ulteriore costruzione di minareti sul proprio territorio, a differenza del pronunciamento sul crocefisso sconsigliato o addirittura vietato per le scuole italiane (...)

Un avvocato e troppi misteri
di Germana Leoni

A partire dagli anni Ottanta si è registrato un notevole incremento del volume di affari delle ecomafie, neologismo coniato da Legambiente per indicare organizzazioni dedite ad attività criminose di stampo prettamente ambientale: organizzazioni che si avvalgono del supporto esterno della criminalità organizzata ma che pullulano in realtà di colletti bianchi (...)

 


Bullismo e comunità
di Manuel Zanarini

Le ultime notizie di cronaca riferiscono dell’ennesimo atto di brutalità commesso tra giovani, per non dire giovanissimi; nello specifico, mi riferisco alla stupro di gruppo subito da una ragazza quattordicenne nel foggiano. Mentre i maggiori media del paese si perdono in stupide, quanto inutili dietrologie su violenza sessuale, ruolo della donna nella società attuale, ecc., io penso che queste dovrebbero essere “buone occasioni” per riflettere sulla situazione delle giovani generazioni nell’attuale contesto storico, per poi allargarsi alla condizione dell’ “uomo” in generale (...)

 

Stato quotidiano
di Simone Olla

Il lontano non è mai stato così lontano, rimosso, escluso completamete dalle invasive (e invasate) cronache del quotidiano: la prospettiva temporale di lunga data è ormai logora e inutilizzata forma d'essere: la modernità è minata nel/dal quotidiano; ecco la postmodernità, quotidianizzazione esplosa dell'esistenza. Viviamo uno stato quotidano, una prospettiva che dura il levarsi e il calare del sole, un sentimento di presenza a progetto (...)


Musica: le ragioni del vagabondo
di Federico Zamboni

Lo dice la parola stessa, vero? Il vagabondo è uno che vaga di qua e di là. Non  sa stare fermo. Non pensa molto al futuro. Non sa cosa fare di sé e della sua vita. Trova un lavoro e lo lascia. Trova una donna e la perde. Odia le abitudini, queste scatole impilate con cura in cui non c’è mai nulla di nuovo. Ama le sorprese: un bagliore improvviso che si accende e che richiama l’attenzione, come se il destino ti stesse facendo un cenno e ti strizzasse l’occhio senza aggiungere nulla, per vedere se sei abbastanza sveglio per capire. E per afferrare al volo il messaggio (...)

Il film: Arriba parias de la tierra
di Ferdinando Menconi

“Terra e libertà” non è un kolossal hollywoodiano quindi  può essere preso come una lezione di storia, ed è una grande lezione di storia quella che ci offre questo film, forse il più riuscito fra quelli di Ken Loach. Il che è tutto dire, visto che stiamo parlando di un regista che di film, in pratica, non ne ha sbagliato uno (...)

 

Minchiate a 150 all'ora

Mentre gli abitanti degli Stati Uniti si stanno armando fino ai denti, e da anni, per prepararsi a fronteggiare la guerra civile prossima ventura, quando si scoprirà che la stampa di banconote di carta igienica senza valore non sarà servita a fermare il collasso del loro sistema (...) 

 

Il veleno del Ribelle - Gennaio 2010
di Alessio Di Mauro

 


Abbonati a La Voce del Ribelle, in edizione cartacea o on-line, e sostieni una voce non conforme.

I nostri Editori

RASSEGNA STAMPA DEL 11/01/2010

RASSEGNA STAMPA DEL 10/01/2010