Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

No alle centrali nucleari. C'è ancora vita, su questo pianeta

di Alessio Mannino 

Ma chi l’ha detto che sia un male opporsi a un male, a maggior ragione se può pregiudicare il bene primario della salute, che ti entra direttamente nel giardino di casa? Con la formula “nimby” (“not in my backyard”, non nel mio giardino) i benpensanti condannano quanti, fra comitati di cittadini ed enti locali, si ribellano alle decisioni calate dall’alto in nome del cosiddetto “interesse nazionale”. È avvenuto anche per la recente bocciatura delle leggi regionali di Campania, Puglia e Basilicata contro l’installazione di centrali nucleari da parte della Corte Costituzionale. Il no della Consulta è motivato sotto un profilo strettamente giuridico, e cioè l’invasione di campo delle Regioni su materie, la tutela della sicurezza e dell’ambiente, di competenza esclusivamente statale. Ma è l’aspetto politico ad interessarci qui, e politicamente è venuta l’ora di dirlo: il superiore bene patrio è una grandissima balla. 

Prima di tutto, per una ragione fattuale. Il nucleare è una tecnologia dispendiosa, rischiosa, che rende meno di quello che costa, in smobilitazione in tutto il mondo (tranne che in Francia che ha puntato tutto su di essa, e che ormai deve tenersela) e che soprattutto, in un’ottica di necessaria o volontaria decrescita economica, non ha senso. Ma ha senso per chi ci lucra, ovvero per i costruttori, la grandi compagnie energetiche col loro indotto. Altro che interesse nazionale: dietro c’è, al solito, un molto più particolaristico interesse economico. A spese della collettività che paga il conto, naturalmente. Perché se è vero che il petrolio prima o poi finirà e un’altra fonte di energia bisogna pur trovarla, di sicuro non è una mostruosa macchina di spreco come il nucleare la soluzione per fabbisogni che non crollano soltanto perché ancora il sistema produttivo tiene botta in quanto drogato e sovralimentato da una crescita forzosa e artificiale. 

Poi c’è un altro ordine di ragioni. Di filosofia politica, diciamo. Ed è la risposta alla domanda fatta all’inizio. Noi sosteniamo, chiaro e tondo, che non c’è diritto superiore a quello di potere vivere senza minacce all’ambiente e alla socialità del luogo in cui si vive. Ripetiamo: del luogo in cui si vive. Preciso, identificato, circoscritto, nel quale si abita. Prima vengono le persone in carne e ossa, prima la comunità locale, prima l’esistenza concreta degli individui. Poi tutto il resto. Se questo significa rinunciare a merci e comodità date per scontate, questo è un discorso che bisogna far capire a chi protesta contro il nucleare e poi vuole continuare a condurre una vita totalmente dipendente dalle macchine. Ma moralmente e politicamente è giusto, stragiusto mettere in cima ad ogni considerazione il bene immediato della propria qualità della vita. Altrimenti non si prende mai coscienza del fatto centrale della società dei consumi: non siamo più noi uomini e donne che ci serviamo delle auto, del frigo e del tornio, ma loro che si servono di noi. Noi schiavi che siamo obbligati a comprarli, cambiarli, utilizzarli allo spasmo pena l’implosione dell’economia. Le “grandi opere” come le centrali atomiche sono esattamente le ferite che il totalitarismo dell’economia inferisce nella carne viva delle popolazioni. E vivaddio il sangue che ne esce – la rabbia popolare, l’insorgere delle amministrazioni locali – è il segnale che c’è ancora vita, su questo pianeta narcotizzato. 

 

Alessio Mannino


I nostri Editori

Midterm: the day after

Aung San Suu Kyi libera. Per interesse