Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Tagli alle Regioni (e dunque ai cittadini)

di Sara Santolini

Altro che mondiali. Altro che sfide tra Paraguay e Italia. La vera partita di questi giorni si gioca nella politica italiana, tra Stato e Regioni.

Il 15 giugno la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha approvato un documento dal titolo "Valutazioni in ordine alle principali criticità della manovra finanziaria".*

Oggetto del contendere è, ovviamente, la manovra finanziaria. Nel testo, ancora non in vigore, i tagli più sostanziosi saranno quelli alle Regioni e agli enti locali. Nel 2012 verranno sottratti infatti 4,5 miliardi alle Regioni a statuto ordinario, 2,5 miliardi ai Comuni, 500 milioni alle Province e 1 miliardo a Regioni e Province a statuto speciale. La manovra sarà pagata, a livello istituzionale, per il 2% dallo Stato centrale, per il 3% dalle Province, il 4% dai Comuni** e ben il 14% dalle Regioni. (...)

I nostri Editori

Vade retro Osce. Vietato criticare il ddl sulle intercettazioni

Il Vendolismo ultimo arrivato (e snobbato, a torto)