Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Prima pagina 29 giugno 2010

Il G20 secondo Berlusconi: una meraviglia!

 

di Federico Zamboni

Berlusconi che se la prende con la stampa non è una novità, nonostante in quest’ultimo caso arrivi a chiamare i cittadini a uno sciopero contro i giornali. Il capo del PdL (ognuno ha i capi che si merita, e ovviamente la stessa cosa vale anche per l’opposizione e per qualsiasi altra struttura associativa, dalla politica al calcio, dalla religione al condominio, e compagnia manipolando) ha le sue convinzioni, che come spesso accade sono diventate delle vere e proprie fissazioni, e le ripete all’infinito. Da quel super piazzista che è, a suo tempo ha appreso alcune tecniche di vendita e continua a utilizzarle con una totale, superstiziosa fiducia nella loro efficacia. Sa che in moltissimi casi funzioneranno e tanto gli basta.  leggi tutto

Brancher e altri sprechi

di Sara Santolini

Cinque giorni. È quanto è durato il dubbio sulla necessità di avere un nuovo ministero in questo Paese. 

Aldo Brancher è un ex sacerdote. Era accanto a Don Emilio Mammana quando il periodico "Famiglia Cristiana" si trasformò da giornaletto parrocchiale a settimanale nazionale. Nel 1999 ebbe una nuova vocazione, quella politica - ispiratagli dal capo del gruppo Fininvest, nel quale lavorava come dirigente dal 1982. 

Da allora al 2008, quando è stato rieletto nelle liste del Pdl, Brancher  ha avuto una fulgida carriera politica, durante la quale è stato condannato per falso in bilancio e finanziamento illecito, salvo poi non subire alcuna pena grazie alla depenalizzazione del falso in bilancio e la prescrizione degli altri reati commessi. leggi tutto

Dal Molin. The end

di Alessio Mannino

Sui No Dal Molin è arrivato il “the end”. Il governo Berlusconi, tramite il gran visir Gianni Letta e il commissario Paolo Costa (Pd) ha dato il suo benestare alla richiesta del sindaco Variati di trasformare la metà demaniale dell’aeroporto di Vicenza in un “parco della pace”. In più, ha promesso un finanziamento di 11,5 milioni di euro per cominciare a ragionare di una nuova tangenziale, che di fatto farà da collegamento fra la nuova base americana e la vecchia, l’Ederle Camp. Ora, non capisco cosa abbiano da esultare Variati, ciò che è rimasto del movimento no-base e i pacifisti locali: hanno combattuto per anni, alcuni soltanto a parole, il Dal Molin a stelle e strisce, e ora si ritrovano con un parco ribattezzato della pace accanto ad una caserma con truppe di guerra (i parà della 173a brigata vanno a crepare in Afghanistan e Irak per “esportare la democrazia”).

(leggi tutto)

 

Anche Tremonti ha capito che il "doping" del denaro farà crollare il mondo

il Gazzettino 25 giugno 2010

Nell’ultima pagina del mio libro "Denaro. Sterco del demonio", del 1998, così concludevo: «Il giorno del Big Bang non è lontano. Il denaro, nella sua estrema essenza, è futuro, rappresentazione del futuro, scommessa sul futuro, rilancio inesausto sul futuro, simulazione del futuro ad uso del presente. Se il futuro non è eterno ma ha una sua finitudine, noi, alla velocità cui stiamo andando proprio grazie al denaro, lo stiamo vertignosamente accorciando. Stiamo correndo a rotta di collo verso la nostra morte come specie. Se il futuro è infinito ed illimitato, lo abbiamo ipotecato fino a regioni temporali così sideralmente lontane da renderlo di fatto inesistente.  

 (leggi tutto)

 

* 

"Kill Bill", magari fosse un film


di Ferdinando Menconi

“Kill Bill” stavolta non è un film ma è il soprannome affibbiato al “Bill”: Internet Kill Switch, ufficialmenteProtezione del cyberspazio come risorsa nazionale (Protecting Cyberspace as a National Asset Act), che Obama vorrebbe per oscurare il web quando fosse messa in pericolo la sicurezza nazionale, che può tradursi come la versione “on line” del Patriot Act di Bush. 

Ma, nel mondo regolato dai curatori di immagine, basta sapersi vendere bene e chiamare le cose col nome giusto: “patriot” fa pomposamente destra mentre “cyberspazio” e “risorsa nazionale” fanno molto “I care”.

 (leggi tutto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nei quotidiani di oggi...: prime pagine, temi

 

 

 

Rassegna Stampa di ieri a cura di Arianna Editrice

Politica e Informazione

Ecologia e Localismo

Economia e Decrescita

Internazionale, Conflitti e Autodeterminazione

Cultura, Filosofia e Spiritualità

Storia e Controstoria

I nostri Editori

“Povero Silvio”: scioperate lettori

Il G20 secondo Berlusconi: una meraviglia!