Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Prima pagina 01 luglio 2010

Mafia e Stato: Pisanu scopre l'acqua calda

 di Valerio Lo Monaco

La rivelazione è sbagliata, oltre che non confermata da fatti accertati (o quasi, e vedremo perché): Giuseppe Pisanu, il presidente dell'antimafia, ha dichiarato ieri che "ci fu una trattativa" tra Stato e Mafia, in merito agli omicidi e alle stragi del periodo 1992-93.

Pisanu afferma inoltre che ci fu "un groviglio tra mafia, politica, grandi affari, gruppi eversivi e pezzi deviati dello Stato". Insomma, qualcosa di veramente importante da sapere, si direbbe. Trovate le cronache dell'evento di ieri su ogni quotidiano. Ma il punto è un altro. E non ci riferiamo al fatto che Pietro Grasso, procuratore nazionale antimafia, abbia immediatamente sentenziato che "le teorie sono belle ma, nei processi - ha proseguito - abbiamo bisogno delle prove giudiziarie".   leggi tutto

Mafia e Commissione Trilaterale

di Alessio Mannino

La Commissione Trilaterale è un club che riunisce imprenditori, finanzieri, uomini politici e alti ufficiali militari di tutto il mondo. E’ stata fondata nel 1973 sull’esempio del già esistente gruppo Bildenberg e dell’antico Council on Foregn Relations, entrambi fondati e animati da David Rockefeller, banchiere della dinastia omonima a capo della Chase Manhattan Bank (vedi ultimo numero della Voce del Ribelle, “Poteri sovrannazionali”). (leggi tutto)

 

Oscar, mandaci alle urne

il Fatto 29 giugno 2010

L'Europeo 46 - il conformista 15 novembre 1993 

Oscar Luigi Scalfaro è allo stesso tempo responsabile e (forse) vittima della situazione di estrema e pericolosa incertezza che si è creata in Italia.

Responsabile perché ha troppo, e troppo ambiguamente, tirato per le lunghe quelle elezioni anticipate che ormai tutto il Paese chiede e di cui il capo dello Stato avrebbe dovuto, da tempo, almeno fissare, in modo inequivoco, la data. Per la verità se fosse stato un minimo lungimirante, se avesse avuto veramente a cuore quella Patria con cui si riempie continuamente la bocca, se fosse quel rigoroso custode della Costituzione che dice di essere, Scalfaro le elezioni le avrebbe indette già da un anno.

 (leggi tutto)

 

* 

Israele e Armenia: "gestione strumentale dei genocidi"


di Ferdinando Menconi

La Knesset, il Parlamento israeliano, intende discutere entro un mese una mozione che lo porterà, probabilmente, a riconoscere il genocidio degli armeni, avvenuto nel 1915. Una buona notizia per gli armeni, anche perché un riconoscimento israeliano prelude, verosimilmente, ad un analogo riconoscimento negli Stati Uniti, come recentemente sollecitato dal Congresso ma rifiutato da Obama che difficilmente, però, potrà tenere una linea diversa da quella che deciderà Israele.

Non possiamo che essere soddisfatti dell’ampliarsi del fronte di chi riconosce formalmente la verità della storia contro chi nega l’evidenza e punisce chi la sostiene, su un tema che ci è particolarmente caro. Allo stesso modo però non possiamo nasconderci dietro un dito e rifiutare di vedere e denunciare perché Israele dopo decenni di oblio all’improvviso si ricordi del primo genocidio del secolo scorso, quello che fu di preludio alla Shoà, e rompa la linea di monopolio di genocidio che le è propria: si tratta di un atto mirato contro la Turchia.


 (leggi tutto

 

 

 

Nei quotidiani di oggi...: prime pagine, temi

 

 

 

Rassegna Stampa di ieri a cura di Arianna Editrice

Politica e Informazione

Ecologia e Localismo

Economia e Decrescita

Internazionale, Conflitti e Autodeterminazione

Cultura, Filosofia e Spiritualità

Storia e Controstoria

I nostri Editori

Secondo i quotidiani del 2 luglio 2010

Mafia e Stato: Pisanu scopre l'acqua calda