Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Repubblica e il broker “impazzito”. Sistemi di manipolazione giornalistica

Il video di Alessio Restani, che abbiamo pubblicato ieri con i sottotitoli in italiano (qui), è stato ripreso anche sul sito di Repubblica. Una vera sorpresa, visto il contenuto inquietante delle frasi pronunciate da questo tipico esempio di operatore di Borsa senza il benché minimo scrupolo. E visto che di regola i media “mainstream” si guardano bene dall’addentrarsi nei veri meccanismi dei mercati finanziari, coi loro sistemi di potere, le loro speculazioni frenetiche e i loro personaggi talmente cinici ed egoisti da sconfinare nella psicopatia (o sociopatia, considerate le ripercussioni sulla collettività). 

La sorpresa al positivo, però, ha brevissima durata. Il titoletto sulla homepage recita: «BBC, il broker “impazzito” fa il giro della Rete», mentre il filmato viene presentato senza alcuna traduzione – come se tutti potessero comprenderlo all’impronta – e il contenuto viene sintetizzato in un breve trafiletto: «“I politici non governano il mondo, è Goldman-Sachs a governarlo”: il broker indipendente Alessio Rastani ha lasciato senza parole gli intervistatori della BBC, aggiungendo in diretta che “in meno di un anno spariranno i risparmi di milioni di persone, senza che né mercati né governi possano farci nulla”.»

Basta mettere insieme i due elementi, titoletto & trafiletto, ed ecco raggiunto lo scopo: il personaggio è “impazzito” e pertanto le sue asserzioni sono “pazzesche”. Guarda caso, quella che viene estrapolata, e quindi sottolineata come inattendibile, è relativa allo smisurato potere di Goldman-Sachs.

Ecco fatto. Il documentario diventa una gag. Il lettore trendy, che si crede smaliziato e invece è il più manipolato di tutti, sorride divertito: scherzi dello stress, e il broker dà di matto. Figurarsi se sono le banche a governare il mondo. 

Già: figurarsi.

(fz)

I nostri Editori

Proposta per tassare le transazioni finanziarie alla Commissione europea

Grecia: passa la stangata sulla casa