Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

E vai col CUI, il Contratto Unico di Ingresso

L’ultima trovata del Governo Monti riguardo al lavoro è il contratto unico, salutato dalla Fornero come la soluzione alla precarietà, all’alta disoccupazione e agli stipendi tra i più bassi d’Europa, con un 32 per cento in meno rispetto alla media dell’Eurozona. Una soluzione in controtendenza rispetto anche allo stesso sistema Paese, visto che le aziende italiane sono volte invece alla creazione di una serie di contratti ad hoc, di cui è pericoloso precedente la Fiat col suo “modello Pomigliano”, per poter meglio esercitare il proprio potere decisionale nei confronti dei dipendenti, e dei sindacati.

Il Contratto Unico d’Ingresso (Cui) dovrebbe servire, a parole, a stabilizzare il lavoro a termine, disponendo che dopo tre anni i contratti diventino automaticamente a tempo indeterminato. Strano che a nessuno sia venuto in mente che già oggi il contratto a tempo non può superare i 36 mesi, e che la creatività delle aziende ha già dimostrato di non avere alcun timore della legge.

 

di Sara Santolini

(nel Quotidiano)

I nostri Editori

Manifesti abusivi: l'ennesimo condono. Stavolta superpartes

Disoccupazione in aumento: 75 mila ulteriori posti in meno nel primo trimestre 2012