Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Agenzie di rating: l’inchiesta di Trani non le fermerà

Mario Monti e il presidente della Consob Giuseppe Vegas verranno presumibilmente ascoltati dalla Procura di Trani riguardo l'inchiesta sulle agenzie di rating Standard & Poor's e Moody's. In particolare dovranno riferire delle dichiarazioni rilasciate dopo il 13 gennaio, quando Standard & Poor's ha declassato il debito sovrano dell'Italia portandolo da A a BBB+.

All’indomani del 13 gennaio Vegas aveva infatti parlato della perdita di credibilità delle agenzie di rating e sottolineato l’opportunità che le autorità europee inizino a «indagare sulle modalità con cui Standard&Poor’s ha declassato nove Paesi europei». E sulle pagine de Il Sole-24 Ore aveva aggiunto: «Molte di queste società sono possedute da signori che hanno dei fondi, come Buffet o Vanguard».

Come dargli torto? Le agenzie rispondono ai loro proprietari, com’è normale che sia. Qui in Italia Standard & Poor's e Moody's sono indagate a vario titolo per aggiotaggio, manipolazione del mercato e abuso di informazioni privilegiate dal pm Ruggiero della Procura di Trani. La posizione più difficile è quella di Standard & Poor's, accusata tra l’altro di aver fatto trapelare la notizia del declassamento dell'Italia con quattro o cinque ore di anticipo rispetto all'orario previsto. E, soprattutto, a mercati ancora aperti.

L’inchiesta, comunque vada a finire, servirà tutt’al più a chiarire eventuali responsabilità e illegalità specifiche delle due agenzie – o piuttosto di qualcuno dei suoi addetti – ma non certo a risolvere il problema della loro esistenza, e del loro potere enorme, ed abnorme, di influire sulle quotazioni. Vedi in particolare i titoli di Stato, con spaventose ricadute di carattere sociale.

Indagine o non indagine, le agenzie continueranno a spadroneggiare come al solito, deliberando o anche solo minacciando declassamenti che continueranno a loro volta a ripercuotersi sull’economia reale. Senza che nessuno, a quel livello politico e governativo che è l’unico a poter intervenire davvero, abbia fatto nulla per evitarlo.

(ss)

I nostri Editori

Adottate le sanzioni europee contro l'Iran. E ora?

Rischiate di essere poco incisivi, voi del Ribelle