Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Genocidio armeno. Lo riconoscerà anche Israele?

Non si parla di leggi antinegazioniste, ma di semplice riconoscimento del carattere di “genocidio” del massacro degli armeni perpetrato dai turchi nel 1915: questo è quanto sollecita, dalle pagine del Jerusalem Post lo storico Dr. Israel Charny, Presidente dell’Istituto sull’Olocausto e Genocidio di Gerusalemme.

Charny nel motivare la sua richiesta sostiene che Israele ha un motivo in più per porre fine alle sue ambiguità e riconoscere finalmente il “genocidio” armeno: esso «fu una prova generale in costume dell’Olocausto» e «Hitler esplicitamente costruì sul precedente del genocidio armeno quando perseguitò noi ebrei».

Israele ha le sue colpe, anche molto gravi, nei confronti dei palestinesi, e sono paragonabili a quelle che hanno i turchi nei confronti dei curdi, ma, rispetto a quanto fatto da Hitler e dai Giovani Turchi, si può quasi dire che lo Stato ebraico “guarda la trave nell’occhio dell’altro, senza rendersi conto della pagliuzza che ha nel suo”. Accettare, però, che anche altri popoli possano aver subito un genocidio comparabile alla Shoah, potrebbe essere un momento di apertura mentale che andrebbe anche a vantaggio dei palestinesi.

(fm)

I nostri Editori

Mediazione russa per i negoziati sul Nagorno Karabagh

Referendum. Le “ragioni” del No della Consulta