Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

No Tav: ordinanze e pugno duro. Ma la lotta continua

Ventisei ordinanze di custodia cautelare notificate in tutta Italia, da Palermo a Trento. Non grazie alla trasformazione del cantiere di Chiomonte in sito strategico di interesse nazionale, ma per gli avvenimenti del luglio scorso, quando il 1 gennaio, e la relativa militarizzazione del sito, erano ancora lontani. Una vera e propria azione di polizia che ha portato, tra l’altro, alla perquisizione dell’abitazione di Guido Fissore, un consigliere comunale di un paese della Valle di Susa, Villarfocchiardo, reo di essere uno dei sostenitori anche politici del movimento no Tav e di insegnare alle scolaresche come un cantiere può rovinare tutta una Valle, la sua bellezza, il suo ambiente, la sua economia.

Per tutti le ipotesi di reato vanno dalle lesioni alla resistenza a pubblico ufficiale e si riferiscono agli incidenti avvenuti presso il famigerato cantiere a luglio 2011, quando vennero ferite più di 200 persone tra forze dell’ordine e manifestanti. 

Al di là delle responsabilità legali, è innegabile che la gestione della questione sembri una prova di forza. Una vera e propria “retata” per delegittimare un movimento che comincia ad avere più simpatizzanti che contestatori. Tutto sommato a questo serviva la famosa dichiarazione del sito come di interesse strategico nazionale: a trasformare la legittima protesta dei cittadini offesi (nel territorio e nei diritti) da un’opera da almeno 15 miliardi e dannosa per la salute e per l’ambiente, nell’espressione di violenza di un gruppo di facinorosi contrario all’interesse del Paese di “svilupparsi” tramite la creazione di una linea per il trasporto merci con un’area della Francia che oltretutto con noi scambia veramente poco. 

Intanto i No Tav non si arrendono. Annunciano un raduno in Val di Susa mentre armano gli avvocati per liberare gli attivisti arrestati. 

(ss)

I nostri Editori

Bertolaso indagato. Di nuovo

Mario & Mario: e la politica si inchina e applaude Goldman Sachs