Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Disoccupati. Suicidi su del 40 per cento

I dati si riferiscono al 2009, e purtroppo c’è da temere che quelli degli anni successivi saranno ancora più gravi, ma già così sono illuminanti. Perché danno una certezza statistica a ciò che era facile immaginare: la crisi in corso non ha solo costi prettamente economici, ma sta esigendo un pesante tributo in termini di vite umane. Mentre gli esperti discettano di indicatori matematici e di precedenti storici, scodellando analisi a scartamento ridotto che non si sognano mai di mettere in discussione il modello neoliberista in quanto tale, i cittadini qualsiasi sono travolti dalle ripercussioni pratiche del disastro innescato dalla speculazione finanziaria. Travolti fino al punto di uccidersi.

Secondo lo studio condotto dall’Eures, sotto il titolo allo stesso tempo neutro e agghiacciante di “Il suicidio in Italia ai tempi della crisi. Caratteristiche, evoluzioni e tendenze”, durante quello che è stato il primo anno dopo il Grande Crollo dei subprime e dei derivati i casi di suicidio nel nostro Paese sono passati da 2.828 a 2.986, con un incremento del 5,6 per cento. Ma quando si entra nello specifico, e si ricollegano i singoli eventi alle loro cause specifiche, la percentuale delle morti connesse alla disoccupazione aumenta moltissimo: i 260 casi del 2008 sono diventati 357, salendo perciò del 37,3. Più specificamente, a togliersi la vita sono state 272 persone licenziate e 85 che erano ancora in cerca di prima occupazione.

Tutte accomunate, oltre che dai loro tragici gesti, dalla pressoché totale indifferenza delle Istituzioni e dei media. Presi uno per uno sono accadimenti individuali che tendono a passare inosservati, sovrastati come sono dall’omicidio eclatante in ambito familiare o da un cospicuo incidente stradale con svariate vittime. Messi insieme diventano dei dati all’interno di una statistica. Forse interessanti, e vagamente tristi, ma ormai inariditi dalla distanza di tempo e dalla genericità delle cifre: chi vuoi che si emozioni e si senta coinvolto, di fronte a dei numeri?

(fz)

I nostri Editori

Rassegna stampa di ieri (03/01/2012)

«Vade retro, terroristi!»