Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Su Equitalia e Grillo, in pratica un plebiscito a favore del comico genovese

Almeno secondo Sky Tg 24. Ma vediamo i fatti.

Il 1 gennaio il blog di Beppe Grillo tuonava contro Equitalia. Il post era intitolato “I botti di fine anno di Equitalia” e si riferiva agli attentati contro i suo uffici, che ironicamente sembrano sostituire i tradizionali botti di Capodanno. Il comico-politico genovese scrive senza mezzi termini: «Se Equitalia è diventata un bersaglio bisognerebbe capirne le ragioni oltre che condannare le violenze. Un avviso di pagamento di Equitalia è diventato il terrore di ogni italiano. Se non paga l'ingiunzione "entro e non oltre" non sa più cosa può succedergli. Non c'è umanità in tutto questo e neppure buon senso». 

Se è per questo, non c’è nemmeno legalità. Equitalia viola sistematicamente le norme italiane e della Comunità europea sul pignoramento dei beni pretendendolo anche per cifre in proporzione ridicole. Inoltre la scarsa efficienza amministrativa crea difficoltà al cittadino di esercitare i propri diritti, quando non glielo impedisce proprio. Certo è difficile protestare contro una cartella dubbia quando i tempi sono tali che si viene a conoscenza della sua esistenza quando già ha maturato interessi e more altissimi. Il tutto senza considerare che il tasso di interesse applicato da Equitalia per i propri servigi, al 9 per cento, dà ragione a chi considera la sua attività strozzinaggio legalizzato. Tanto che Grillo conclude il suo post rincarando la dose: «Monti riveda immediatamente il funzionamento di Equitalia, se non ci riesce la chiuda. Nessuno ne sentirà la mancanza».

I partiti si sono schierati contro il parere di Beppe Grillo, che considera necessario capire cosa c'è dietro agli attentati contro Equitalia piuttosto che semplicemente condannarli. Ma gli italiani, al contrario, e che sappiano o meno che la legge sarebbe dalla loro parte, hanno capito che c’è qualcosa che non va. Alla domanda posta loro da Sky Tg24 - "Equitalia, Grillo: «se è un bersaglio bisognerebbe capirne le ragioni oltre che condannare le violenze». Sei d'accordo?" - il risultato ha dato ragione al comico genovese nell'86% dei casi. Il passaggio successivo, se Dio vuole, sarà capire che non si tratta semplicemente di opinioni.

(ss)

I nostri Editori

I prezzi della Benzina dal 2007 a oggi

Elogio della filibusta