Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Iran: ex Marine condannato a morte per spionaggio

Amir Mirzai Hekmati, ex Marine nato in Arizona da immigrati iraniani e che ha conservato anche la cittadinanza d’origine, è stato condannato a morte da un Tribunale di Teheran «per aver collaborato con una nazione ostile, per adesione alla Cia e per aver tentato di coinvolgere l'Iran nel terrorismo».

I familiari del condannato ne proclamano l’innocenza, sostenendo che non era in Iran su incarico dell’intelligence statunitense ma per visitare le nonne, mentre gli USA ne chiedono il rilascio sostenendo che la “confessione” di Hekmati, trasmessa anche in televisione, di essere in missione per conto della CIA è stata estorta con la forza.

Impossibile dire se l’ex Marine sia innocente o colpevole, tuttavia la sentenza va a complicare ulteriormente la situazione già troppo tesa fra Iran e USA, e Hekmati può essere considerato come merce di scambio nel caso in cui la situazione ad Hormuz tendesse a degenerare fino alle estreme conseguenze.

Il fatto che il condannato sia anche cittadino iraniano rende però le cose estremamente complesse, in quanto la più probabile delle soluzioni, l’espulsione negoziata, sarà difficilmente applicabile proprio a causa dello status giuridico di Hekmati.

(red)

I nostri Editori

Uranio arricchito. L’Iran non demorde

L'Europa va di fretta, ma nella direzione sbagliata