Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Pronto un intervento “occidentale” in Mali

Nel Mali, Paese africano, la cui Primavera islamista è tendenzialmente dimenticata dai media, anche se è fra le più sanguinose, è pronto un intervento “occidentale”. Almeno per il momento, però, è un Occidente tutto africano. I 3.300 soldati pronti a varcare il confine apparterrebbero infatti alla CEDEAO, la Comunità Economica degli Stati dell’Africa Occidentale.

L’ingerenza straniera in Mali, ormai sull’orlo dell’anarchia, resterebbe una questione interna africana, un tentativo estremo di evitare la presenza di truppe europee in terra d’Africa. Il presidente ivoriano, Alassane Ouattara, intervenuto sulla questione, ha comunque precisato che le truppe saranno schierate solo previo benestare dell’ONU e che la via del dialogo resta preferenziale. Tuttavia, egli teme che l’impiego della forza sarà necessario per stroncare le reti terroristiche che stanno mettendo radici in Mali.

I nostri Editori

Un'interessante coincidenza - SMS

Siria. Frontiere sempre più a rischio