Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Un anniversario da dimenticare

Un anno strano, questo, in cui scandali, ruberie e malversazioni d’ogni genere e tipo, sembrano venir fuori tutti assieme, d’improvviso, in una serie di colpi mediatici che non sembrano risparmiare nessuno, destra, sinistra, centro. Tutti colti lì, con le mani nel sacco o, come talvolta si suol dire, con il classico “sorcio in bocca”, che però, permetteteci, sembra esser stato messo lì apposta, per far cadere in trappola uno per uno, gli uomini del sistema. Questo strano gioco, guarda un po’, si sta intensificando ora, in periodo pre elettorale, sotto l’improvvido regno di Mario Monti, il cui nome, guarda un po’, ricorre sempre più frequentemente quale candidato ad una seconda “nomination” al governatorato d’Italia, per conto dei poteri forti della finanza mondiale. L’aplomb, il distacco, l’ironia, con cui il Presidente-governatore risponde alle paventate minacce di far cadere il suo “maledetto governo”, sono sin troppo sospette, ed in effetti, tradiscono la sicumera di chi sa di poter contare su robusti appoggi, situati ben oltre gli angusti confini della politichetta italiana. L’arroganza e la faccia di bronzo di certa gente, d’altronde, sembra non conoscere più limiti né pudori di sorta. È recente la notizia dell’arrivo in mezza Europa di nuove capitalizzazioni di istituti di credito in forte crisi di liquidità, da realizzarsi naturalmente senza alcuna contropartita perché, come qualcuno in un  recente passato ha affermato “l’economia si regola da sola”…

di Umberto Bianchi Nel Quotidiano

I nostri Editori

Crisi: Rajoy, "non rinuncio agli aiuti"

Ehi, Cgil: Marchionne non è mica l’eccezione