Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

“Anm addio”. L'amara delusione dei pm Di Matteo e Teresi

“Nell'inchiesta sulla trattativa, lasciati soli contro gli attacchi”

di-matteo-teresidi Giorgio Bongiovanni - Antimafia Duemila.

Delusione, amarezza, rabbia. Dopo la presa di posizione da parte dell'Anm nazionale, in merito alla decisione della Consulta di accogliere il ricorso del Quirinale nel conflitto di attribuzione con la Procura di Palermo, era necessario un segnale forte. Così Nino Di Matteo, pm storico del pool che indaga sulla trattativa Stato-mafia, e Vittorio Teresi, l'aggiunto che ha preso il posto di Antonio Ingroia nel coordinamento del procedimento, rispettivamente presidente e segretario della giunta distrettuale di Palermo dell'Associazione nazionale magistrati, hanno comunicato le proprie dimissioni irrevocabili.  “Non riesco più a sentirmi parte di un'associazione che, nei suoi organi rappresentativi a livello nazionale, si è andata sempre più caratterizzando per valutazioni e interventi che sembrano dettati da criteri di 'opportunità politica' e che talvolta finiscono per denotare un pericoloso collateralismo al potere a scapito della doverosa tutela di colleghi impegnati in attività giudiziarie particolarmente complesse e delicate”, ha scritto Di Matteo, che si è dimesso anche dal ruolo di componente della giunta, in una lettera indirizzata alla giunta nazionale, a quella distrettuale e a tutti i colleghi del distretto di Palermo.

Leggi tutto

I nostri Editori

Il vero vincitore delle Primarie sono le Primarie

L’Ilva ferma tutti gli impianti, a rischio 5100 posti di lavoro