Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Israele: l’Iran è pronto per la bomba

L’AIEA, Agenzia dell'Onu sul nucleare, non fa in tempo a dirsi soddisfatta della prima visita dei suoi ispettori in Iran ed a metterne in cantiere altre per aprire ad un dialogo sul nucleare iraniano, che Tel Aviv viene colta dal panico che possa scoppiare un negoziato.

Il Generale Avi Kochavi, capo dell’intelligence militare  israeliano, ha precipitosamente fatto eco all’Agenzia ONU dichiarando: «Noi abbiamo prove definitive del fatto che gli iraniani stiano lavorando per dotarsi di armamento nucleare». In altre parole, avrebbero materiale fissile per ben quattro bombe. Che sono nulla rispetto all’arsenale sionista.

Ma che Kochavi, allora, le mostri al mondo queste ipotetiche prove, perché già Bush sosteneva di avere prove definitive sulle armi di distruzione di massa in Iraq: quelle che gli osservatori ONU non avevano trovato e che nessuno ha mai trovato. Siamo stufi di inesistenti prove definitive, ma mai divulgate, per scatenare guerre che non hanno motivo di esistere, se non l’arroganza di Israele che le armi di distruzione di massa le ha usate contro i palestinesi in misura ben maggiore di Saddam contro i curdi.

Vogliamo vedere le prove prima che vengano insabbiati i negoziati e scatenate azioni militari. Inoltre, se poi si riveleranno fasulle come quelle di Bush, esigiamo sanzioni contro i paesi che fomentano o scatenano guerre con la menzogna.   

(fm)

I nostri Editori

Ultrà d’Egitto: da eroi a criminali

No all’emendamento Fava: il web resta libero