Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Iran pronto a collaborare con l’AIEA

L’Iran si proclama disposto a cooperare senza riserve con gli ispettori dell’Agenzia per l’Energia Nucleare delle Nazioni Unite, ma a patto che siano ritirate le sanzioni che affliggono il paese.

Una richiesta che fa pensare ad un dialogo fra sordi, tuttavia le altre dichiarazioni, rilasciate a margine dell’incontro fra il gruppo dei 5+1 (membri permanenti e Germania), fanno sperare in promettenti aperture, anche se non vi sono state svolte vere e proprie.

Tutti i partecipanti sono usciti dall’incontro soddisfatti dalla reciproca disponibilità alla trattativa, che sembra ben avviata anche se procede ancora lentamente, ma il solo fatto che stia avanzando potrebbe essere sufficiente per irritare alcuni.

La posizione dei 5+1 appare non di chiusura verso qualsiasi forma di nucleare in Iran, ma più correttamente di controllo preventivo. Ciò che si vorrebbe sono sufficienti assicurazioni che l’atomo venga usato solo per scopi pacifici, cosa che del resto è in linea, almeno teoricamente, con le intenzioni d’impiego espresse da Teheran.

Restano ancora dei punti di divergenza abbastanza netti, eppure il gioco di proposte e controproposte sembra in linea con quanto accade nelle normali negoziazioni in cui le parti cercano realmente un punto di accordo. Non saremmo quindi di fronte a richieste che hanno come solo scopo quello di essere rifiutate.

Forse è meglio non lasciasi andare a eccessivo ottimismo, però le parti concordano sul fatto che si è finalmente imboccata la strada giusta: e speriamo che nessuno intervenga a boicottare gli sforzi di chi non vuole atti di guerra.

(fm)

I nostri Editori

Siria. Le inquietudini di Ban Ki-moon

In cima al Kilimangiaro. Senza gambe