Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

La laica e democratica Turchia di Erdogan

In certi ambienti illuminati, particolarmente radicati nell’area destra mulino bianco e, quindi, contigui agli interessi bancario industriali, tacciare di “laicismo” e oscurantismo al limite del razzismo chiunque critichi Erdogan e la sue Turchia profondamente europea è accusa estremamente frequente.

Accuse, soprattutto di incompetenza e ignoranza della realtà, che si esplicitano in insulti che, però, costantemente ignorano i fatti. Vedi le proposte antiabortiste in esame al parlamento turco, che se fossero presentate in Italia li farebbero prorompere in isteriche indignate reazioni. Nessuna reazione invece si registra da parte di questi supporter di un leader, così europeo e laico, che correda la sua ferma condanna all’aborto, con toni che neppure Alemanno ardirebbe usare nel suo asservimento vaticano, con attacchi alla pratica del parto cesareo, che sarebbe anti islamico. Probabilmente chi manifesta nelle piazze turche non capisce nulla del suo paese ed è tanto laicista ed incompetente quanto europei che ce l’hanno col povero Erdie.

Ma la democrazia laica turca, tutelata da Erdogan, riesce ad andare oltre: il pianista turco, di fama internazionale, Fazil Say ha ironizzato, su Twitter, sul richiamo alla preghiera del muezzin, fatto che, a seguito della denuncia di alcuni bigotti, gli può costare fino a 18 mesi sulla base di un articolo del codice penale che configura il reato di attentato ai valori religiosi.

Questa democratica laicità di Erdogan, fortemente sostenuta da molti italiani, che sanno tutto della Turchia, fa dire ad un noto pianista turco e residente in Turchia, ma che evidentemente non sa nulla del suo paese, che non c‘è altra strada che lasciare la Turchia, a suo parere nelle mani dell’islamismo radicale.

Ma anche all’estero avrebbe di che preoccuparsi, come noi tutti, visto che Lady Gaga è stata raggiunta da una Fatwa islamista per offeso in un suo video Gesù Cristo e sua madre, figure venerate anche nell’Islam: non si può neppure più bestemmiare in pace in casa propria.

(fm)

 

I nostri Editori

Israele: «Apri la mail, spia!»

Terremoto e trivellazioni. La Procura indaga