Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

OPLÀ, ECCO IL NUOVO CDA

Quello della Rai, naturalmente. Che adesso potrà cominciare a mostrarci di cos’è capace

La lunga attesa è finita: e a quanto sembra è bastata la minaccia di un commissariamento, che nell’ottica di Monti avrebbe portato quasi sicuramente al vertice di Viale Mazzini un’altra pattuglia di manager di sua fiducia. Cioè di estrazione bancaria.

Così, invece, si resta più o meno sui soliti standard. L’Udc conferma Rodolfo De Laurentiis e il PdL fa lo stesso con Antonio Verro e Guglielmo Rositani, aggiungendo Antonio Pilati (pubblicità e marketing) e Luisa Todini (imprenditrice in ambito agricolo e immobiliare).

Da parte sua, come previsto, il Pd si regala una patina di disinteresse e nomina due rappresentanti “delle associazioni”, l’ex giudice Gherardo Colombo e la giornalista-scrittrice Benedetta Tobagi.

Inutile discutere dei singoli nomi, comunque. I veri nodi riguardano la Rai nel suo insieme, ovvero le funzioni che le competono in quanto “servizio pubblico” e che si riflettono nella linea editoriale. Che dovrebbe smettere per sempre sia di compiacere i politici, sia di inseguire l’audience con ogni mezzo (e con ogni bassezza).

Una rivoluzione impensabile, nelle condizioni attuali.

I nostri Editori

CONDANNE DIAZ: E I POLITICI?

Tassi: la Bce taglia da 1 a 0,75