Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Non è un film, a sconvolgere la Primavera araba

Dopo i fatti di Libia continuano i disordini in Egitto, Tunisia e Yemen, mentre l’ambasciata svizzera di Teheran, che rappresenta gli interessi USA in Iran, è blindata dalle forze di sicurezza. E tutto questo, si sostiene, per un brutto film che quasi nessuno aveva visto.

C’è qualcosa che non quadra però: il trailer del film era stato caricato su youtube a giugno e proiettato solo in una sala semivuota, mentre le proteste sarebbero iniziate solo dopo la sua traduzione in arabo. Possibile quindi che nessuno se ne fosse accorto prima? Come mai, poi, le reazioni sono esplose proprio l’11 settembre?

di Ferdinando Menconi (nel Quotidiano)

I nostri Editori

Russia: il vice del tiranno difende la protesta (delle Pussy Riot)

Troika: proroga al Portogallo. In cambio di nuove misure