Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Atene come Madrid

Dopo gli indignados in Spagna ieri, oggi tocca alla Grecia

Quanto potrà reggere, la situazione? O meglio - visto che siamo appena all'inizio dell'effetto della crisi, intendendo con questo l'inizio degli effetti delle manovre di tagli e austerità imposte ai popoli europei - si pensa davvero, dalle parti dell'Ue, della BCE e dell'FMI, che si possano tenere interi popoli sotto scacco?

Da Occupy Wall Street agli indignati di varie parti del mondo, sino ai casi, per ora isolati e sparpagliati, italiani, l'austerità e la stretta sociale e lavorativa, di fatto non le accetta nessuno. Appare anzi che stia montando una protesta proprio contro chi l'austerità ci impone, dopo averne causato i motivi di applicazione. Per non parlare della Primavera Araba, delle rivolte nelle fabbriche cinesi, del Medio Oriente sull'orlo di una nuova guerra, grazie agli USA, e di diversi altri focolai sparsi per un mondo governato da chi tende al massimo profitto sulla pelle di tutti gli altri.

Lo scrivevamo mesi addietro e lo ripetiamo ora: la protesta non può che aumentare. Rimanendo solo ai casi a noi più vicini, se l'Europa dei banchieri vorrà contenerla, non potrà che aprire una nuova stagione di repressione (Eurogendfor?). 

Comunque la si veda, l'autunno, come previsto, sta diventando caldissimo. E i prossimi mesi saranno ancora più roventi.

Atene 1, da Euronews

Qui la cronaca della giornata, dall'ANSA

I nostri Editori

Assange. l’Ecuador si rivolge all’ONU

Damasco: scontri nel quartier generale