Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Bahrain: l’Iran si scusi per la traduzione "errata"

L’errore, se di errore si è trattato e non di censura, di traduzione durante la diretta TV dell’intervento di Morsi al vertice dei paesi non allineati di Teheran (qui) ha suscitato le ire del Bahrain, che ha richiesto scuse formali al governo iraniano.

I traduttori televisivi avevano sostituito, infatti, Siria con Bahrain mentre Morsi attaccava il regime di Assad, stravolgendo così il senso del suo discorso e adattandolo alla politica iraniana, fortemente critica verso il regno sunnita per la repressione dei moti sciiti avvenuta nel paese.

Alla richiesta formale di scuse l’Iran ha replicato sostenendo che si è trattato di un errore e non di un atto deliberato, ma quella che con ogni probabilità è stata un’azione di propaganda interna si sta rivelando fonte di imbarazzo per Teheran.

I nostri Editori

Francia: oltre 3 milioni di disoccupati

Carbosulcis: fuori dai pozzi, per ora