Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

MAMMA MIA, CHE TONI “ASPRI”

Battibecchi a distanza e accuse da quattro soldi, per mascherare il vuoto sulle tematiche davvero importanti

 

Chi lo dice in un modo e chi in un altro, ma adesso il leitmotiv dei media omologati è questo: la campagna elettorale che si “accende” a suon di polemiche tra i diversi leader, in un crescendo di attacchi reciproci.

Per esempio: Monti che accusa Berlusconi di «comprare voti» e Berlusconi che replica definendo «indecente» non solo la singola dichiarazione ma il Professore come persona. E ancora, per limitarci alla baruffa del momento ma senza dimenticare tutti gli altri episodi più o meno analoghi, lo stesso Monti che sottolinea l’avversione dei vertici UE per Berlusconi, e quest’ultimo che ribatte con un lapidario «cazzate».

Roba che andrebbe liquidata per ciò che è – un cumulo di quisquilie e diversivi, tra mestieranti che sono pronti a tutto pur di tenersi alla larga dalle questioni cruciali – e che invece viene innalzata a tema del giorno. In maniera tale che il pubblico abbocchi: simpatizzando con Tizio e antipatizzando con Caio, in attesa di recarsi ai seggi e scaricare, nell’urna, tutta l’emotività che avrà accumulato nel frattempo.

Salvo poi, per cinque anni o quello che sarà, subire gli effetti concreti della sua inguaribile superficialità. Della sua incapacità di fare almeno il primo passo nella direzione giusta: uscire dalla folla che tiene gli occhi inchiodati sugli sketch del dibattito ufficiale e rivolgere lo sguardo altrove.

Le risposte verranno dopo. Intanto, bisogna imparare daccapo a farsi delle vere domande.

I nostri Editori

La Francia in crisi fa i suoi conti sul nucleare

Massima sorveglianza