Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Gli USA ed il baratro fiscale

"


Mentre in Italia ci si concentra sui ravioli che nitriscono ed in Europa sugli esiti elettorali italiani, negli Stati Uniti ci pensano Alan Simpson (repubblicano) ed Erskine Bowles (democratico) a rimettere sul tavolo una questione rimandata, parzialmente diluita, ma non risolta: la riduzione del deficit USA.

Hanno infatti presentato un piano che punta a ridurre il disavanzo di spesa pubblica a stelle e strisce di 2400 mld$ (diconsi duemilaquattrocento miliardi di dollari) in dieci anni, riscrivendo anche il codice tributario. La cifra è significativa perché l’obiettivo fissato dalla Casa Bianca era di 1500 mld$. Avviamo il consueto #TICTACTICTAC per la prossima scadenza (1 marzo) entro la quale andrà promulgato qualcosa, viceversa subentreranno tagli automatici della spesa per circa 85 mld$ (questa scadenza viene denominata ‘sequester’ negli articoli dei giornali USA).

Leggi tutto

I nostri Editori

Crisi acqua: salgono le tensioni tra India e Pakistan

Crisi Grecia: mercenari USA a difendere il Parlamento di Atene?