Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Zygmunt Bauman: quest’economia ci consuma

 "

Siamo diventati 'consumatori difettosi'. Che non riescono più ad acquistare con il ritmo che richiede un'economia basata sul consumo. Il sociologo polacco ha un'opinione precisa su come uscire da questa situazione di stallo. Che parte da una semplice osservazione. Riscoprire la nostra vera identità

bauman 20130307di Monica Onore - Wise Society

La società è complessa, globalizzata. Negli ultimi 50 anni tutto ha subito una profonda trasformazione dal lavoro alla politica, all’amore. Non ci sono certezze, solo trasformazioni continue. Tutto viene e va molto velocemente, dagli ideali, agli oggetti. Tutto sembra avere una data di scadenza. Perché, come ci dice Zygmut Bauman, sociologo e filosofo polacco di fama mondiale, siamo passati da una società di produttori a una società di consumatori. E se il consumatore non ce la fa più a fare il suo dovere, ecco che siamo di fronte a una società di ‘consumatori difettosi’. E questo porta Bauman a riflettere sulla necessità ormai di cambiare le nostra vite, come nell’ultimo libro Vite che non possiamo permetterci. Conversazioni con Citlali Rovirosa-Madrazo (Laterza Editore, 240 pag.)

Lucido e acuto osservatore della società contemporanea, a lui si deve la definizione della ‘modernità liquida’. La società liquida vive nella costante incertezza perché gli uomini si sono trasformati da produttori a consumatori. Come scrive nel saggio Il disagio della postmodernità: «oggi, il ‘principio di realtà’ deve difendersi davanti al tribunale presieduto dal ‘principio di piacere’. La coazione e la rinuncia forzata non appaiono più alla gente una spiacevole necessità da accettare con umiltà, ma vengono piuttosto sentite come un’infondata aggressione alla sovrana libertà dell’individuo». Se l’idea di solidità ha caratterizzato il passato, noi oggi possiamo vivere soltanto una vita liquida, a meno di fare  uso di regole morali che ci aiutino a ritrovare un’identità anche al di fuori delle merci.

Leggi tutto

I nostri Editori

La scomoda lezione di Hugo Chávez

PERUGIA: UNA TRAGEDIA IN STILE USA