Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

MARINI NON PASSA, IL PD IMPLODE

Non ha funzionato. L’accordo di vertice fra Bersani e Berlusconi, per chiudere al primo colpo la successione di Napolitano al Quirinale, si è dimostrato un clamoroso fallimento. La candidatura di Franco Marini, che già ieri aveva scatenato una durissima reazione negativa all’interno del centrosinistra e dello stesso Pd, si è rivelata ancora più debole di quanto si pensasse: appena 521 voti a favore, quando per arrivare al traguardo ne sarebbero serviti almeno 672.

Una debacle che a quanto sembra ha azzerato l’intesa, trasformando i prossimi due scrutini, in cui è ancora richiesta la maggioranza di due terzi, in un passaggio a vuoto deliberato. La strategia – chiamiamola così – sarebbe quella di prendere tempo, in modo da rinviare tutto al quarto scrutinio o a quelli successivi, quando invece sarà sufficiente la maggioranza del 50 per cento.

E se Alfano prova a rilanciare l’opzione Marini, rimarcando che «ha comunque superato la maggioranza assoluta degli aventi diritto al voto», è già partita la caccia a un’ipotesi alternativa. “Alternativa”, va da sé, nell’accezione più limitata, e ingannevole, del termine.

Basti dire che, tra gli altri, è rispuntato il nome di Prodi.

I nostri Editori

Assad il saggio, l’Occidente e Al Qaeda

4 famiglie su 10 in difficoltà per rate