Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Siria: oltre i confini dell’orrore

Bombardamenti di civili, autobombe, uso di gas: si poteva supporre che in Siria tutto l’arsenale dell’orrore fosse stato dispiegato, un orrore cui siamo assuefatti e che in fondo è nell’essenza stessa della guerra, ma il video che mostra un capo ribelle mutilare un soldato siriano, per estrargli cuore e fegato mentre sostiene l’avrebbe poi mangiato, va oltre ogni aberrazione.

Il video risale a lunedì, ma solo adesso si ha la certezza che non vi è stata alcuna manipolazione, e per una volta non è il caso di cadere nel gioco di cercare la fazione colpevole, così come fa l’autore del gesto, che sostiene che non sono stati loro a cominciare: se non fosse tragedia sembrerebbero le scuse dei bimbi dell’asilo.

Siamo giunti in Siria al livello di aberrazione che nulla ha a che vedere con il fanatismo religioso, mai il Profeta ha promosso o giustificato atti del genere, o la dedizione al Raìs: verrebbe da pensare che gli orrori della guerra portino a questo, ma forse è più lecito pensare che i pazzi in certe guerre riescano a ritagliarsi dei ruoli “legali” e “legittimi”. 

I capi dei ribelli dichiarano che scopriranno e puniranno l’autore del gesto e vogliamo sperare che ciò non sarà perché ha portato nocumento alla causa, ma perché sono essi per primi disgustati dall’atto compiuto sul cadavere del combattente lealista. 

I nostri Editori

Mavi Marmara: la Corte Penale Internazionale apre un procedimento

Turchia. Erdogan sempre più in crisi