Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
La WebRadioNotizie, talk, live, e musica dalla redazione del Ribelle
Fondatore Massimo Fini - Direttore Responsabile Valerio Lo Monaco
  • Home
  • PAGINE ▼
  • Sezioni Sito ▼
  • WebRadio ▼
  • WebTV ▼
  • Mensile ▼
  • Info ▼
  • NEGOZIO
  • Il Ribelle Minuto per Minuto
  • Abbonamenti
  • Accesso Abbonati
  • Ai nostri Lettori
    LETTERE E RISPOSTE
    OPINIONI DEI LETTORI

    venerdì
    set062013

    Bahrain: i diritti umani alle comiche finali

    Che i tribunali che pretendono di tutelare i diritti umani non siano da prendere troppo sul serio – specie se non sono riconosciuti dai principali violatori, come quello Penale Internazionale de L’Aia, e nonostante alcuni, bisogna riconoscere, siano più seri di altri, come Strasburgo – è un conto, ma in Bahrain abbiamo passato i limiti del ridicolo: Il Regno è stato scelto per ospitare la Corte Araba dei Diritti dell’Uomo.

    È veramente grottesco che una nazione che viola sistematicamente i diritti umani possa essere scelto come sede di un simile tribunale, ma l’assurdità si fa coerente quando ci si accorge che l’istituto è patrocinato dalle monarchie del Golfo, paesi che meriterebbero una esportazione violenta di democrazia ben più della Siria di Assad, le quali vogliono creare una giurisdizione fantoccio per legittimare i propri crimini.

    La Corte, infatti, opererebbe nell’ambito della Carta Araba sui Diritti Umani, in vigore dal marzo 2008, che è stata firmata, fra gli altri, da Bahrain, Qatar, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti, ma che non ha impedito le repressioni violente in corso in quegli stati e nemmeno, per andare più sul tragicomico, ha permesso alle donne di guidare o di evitare condanne in caso di stupro.

    Probabilmente si tratta di una carta dei diritti umani basata sulla Sharia, insomma un ossimoro che neppure il più navigato degli azzeccagarbugli si azzarderebbe a districare: sarebbe più facile sostenere la verginità di Ruby e la castità del Cavaliere.

    Siamo di fronte ad un’arma a doppia taglio. Da una parte potrebbe essere usata dalle propagande atlantiste e delle teocrazie del Golfo a sostegno della loro pretesa democraticità, dall’altra per meglio reprimere le crescenti contestazioni. In nessun caso, però, potrà mai essere un passo avanti verso la tutela della libertà.

    (fm)

    PrintView Printer Friendly Version

    EmailEmail Article to Friend

    Reader Comments

    There are no comments for this journal entry. To create a new comment, use the form below.
    Per commentare è necessario essere abbonati
    Per poter commentare devi essere abbonato al giornale. Cosa che puoi fare in alto a destra, al link "abbonamenti".
    comments powered by Disqus