Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Emergenza costante (sicuri?)

Emergenza costante (sicuri?)

Le misure di sicurezza tra legge e psicologia

di Tina Benaglio

Introduzione

Se è vero ciò che ha scritto il filosofo Giorgio Agamben in un suo articolo su “Le Monde”, e cioè che lo stato di emergenza non è uno strumento a difesa della democrazia, ma al contrario è «il dispositivo attraverso il quale i regimi totalitari si affermarono in Europa», resta allora da capire perché mai le persone possano con tranquillità accettare, se non addirittura in taluni casi chiedere, lo stato di emergenza. Nello stato di emergenza, infatti, le libertà individuali vengono sospese, vi è la «rinuncia a qualsiasi certezza del diritto». Del diritto di qualsiasi persona.

Eppure oggi si assiste, da parte di un numero sempre più crescente di persone, alla rinuncia dei propri diritti - e dell'intero apparato delle tutele democratiche - in nome di una maggiore sicurezza personale. Vera o presunta.

Perché succede? Quali sono i meccanismi psicologici personali coinvolti in queste scelte? Quali sono, quindi, i meccanismi psicologici su cui il “sistema” sta facendo leva?

Sommario:

Gli attentati di Parigi e le “conseguenti” misure di sicurezza

Il soggiorno obbligato

Lo scioglimento di associazioni e raggruppamenti di fatto

La consegna delle armi

I mass media e gli shock emotivi

Le “scorciatoie di pensiero”

Le distorsioni di giudizio o bias cognitivi

L’euristica della disponibilità e le distorsioni di giudizio relative

Paura e bias

La componente sociale della paura

Il giornalismo è scelta

Accecati dal “vedere senza esperire”

Ma allora, che fare?

La competenza e le procedure corrette di ragionamento

Un “errore di attribuzione” di evangelica memoria

Conclusioni

Bibliografia

Gli abbonati possono scaricarlo dalla sezione riservata, qui

I non abbonati possono acquistarlo qui sotto:

 

O su Amazon, per Kindle:

I nostri Editori

Il nuovo "giornale". Appunti #4. Amazon e libri cartacei

La sega a scuola è un processo formativo irrinunciabile