Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

I punti mancanti del programma di Grillo

Buongiorno,

ho letto l'articolo "C'è qualcosa di nuovo, ma la forza politica che cerchiamo ancora manca"

di Valerio Lo Monaco - 17/05/2011, e successivamente sono andata a visitare il sito di Beppe Grillo e ho cercato le voci

- decrescita

- sovranità monetaria

- banche e speculazione

In realtà gli argomenti sono ripetutamente trattati. Per cui mi sembra ingiusto dire "Parlavamo di decrescita, di Europa, di sovranità monetaria e più un generale di una posizione sulle Banche e sulla speculazione internazionale. I cardini di una politica che oltre a essere moderna voglia essere anche davvero differente.Tutto ciò al Movimento di Grillo manca".

A me non sembra che manchi

Ho aperto poi il programma nazionale del Movimento 5 Stelle (<http://www.beppegrillo.it/iniziative/movimentocinquestelle/Programma-Movimento-5-Stelle.pdf)

e a proposito di economia mi sembra abbastanza interessante, anche se non si parla esplicitamente di decrescita e di sovranità monetaria.

Naturalmente il dibattito in atto all'interno del Movimento 5 stelle non passa tutte le sere al tg delle 20..... bisogna proprio sforzarsi per cercare le informazioni, come per voi, d'altra parte.

Io seguo le loro e le vostre voci con l'attenzione che la vita quotidiana mi consente di prestarvi e mi sembrano entrambe interessanti. Certo, il movimento 5 stelle deve maturare. Io spero che lo faccia nel migliore dei modi, nonostante i rischi e le difficoltà che inevitabilmente dovrà affrontare. Mi sembra l'ultima speranza che ci rimane, prima di rassegnarsi al bagno di sangue pronosticato da Massimo Fini.

 

Cordialmente,

Elvira

 

R Salve Elvira,

lei centra il punto proprio nel momento in cui scrive che, "pur essendo abbastanza interessante, il programma nazionale del Movimento 5 Stelle non parli esplicitamente di decrescita e sovranità monetaria".

Da un partito che si pone con intenti di fatto rivoluzionari, non parlare espressamente dei due temi che - a nostro avviso - sono quelli con carattere più rivoluzionario è esattamente il motivo per il quale abbiamo fatto l'analisi che lei ha letto.

Non basta, infatti, fare un accenno a questi temi, perché sono i cardini di ciò che dovrebbe essere la forza politica che, appunto, secondo noi ancora manca.

Anche Tremonti ad esempio, udite udite, ha sfiorato qui o là il tema della sovranità monetaria e della speculazione. Ma solo sfiorato. E ciò non gli ha impedito né impedisce di essere Ministro di un governo che ha nel liberismo sfrenato e nella crescita economica i suoi punti inalienabili.

Con Grillo la cosa è, se possibile, peggiore: egli ha più volte, anche se soprattutto in passato, fatto cenni alla decrescita, addirittura sul signoraggio bancario. Ma ha poi accuratamente evitato di parlarne ancora.

Non è un caso infine - e la cosa dovrebbe essere indicativa per tutti - che il massimo esponente della Decrescita in Italia, ovvero Maurizio Pallante, abbia preso altre strade per tentare di incidere politicamente. Guarda caso - seconda cosa indicativa - proprio insieme a Giulietto Chiesa che, lui sì, si è espresso senza mezzi termini e spesso (anche nell'intervista concessa proprio a La Voce del Ribelle) sulla sovranità monetaria.

Ripetiamo: sono (alcuni tra) i punti cardine di una proposta politica che voglia essere davvero rivoluzionaria e alternativa a quelle esistenti. E se non sono espressamente portate avanti da un partito-movimento come quello di Grillo, che pur seguiamo giornalisticamente con molto, molto interesse, la cosa non può che dispiacere. E in qualche caso, di fatto, allertare.

Basterebbe un confronto con Grillo stesso su questi punti. Basterebbe una risposta chiara alle domande che gli abbiamo posto a suo tempo. E tutto sarebbe chiarito.

Per ora, invece, non ci resta che seguire con attenzione l'evolversi delle cose. Perché, questo è certo, il suo Movimento è, in ogni caso, una realtà che va seguita (altro che spazi dedicati dagli altri media...). I punti del suo programma sono condivisibili, praticamente, al 100%. A mancare sono però i bersagli primari. Il che, converrà, non è poco.

 

A presto,

Valerio Lo Monaco

Sull'articolo "Mamma mia, c'è il rischio terrorismo"

India e Cina ci conquistano? Magari! (secondo un lettore)