Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Perché parliamo di Grillo?

D. Ma chi se ne frega di Beppe Grillo!... Ché fate come i mass media del main stream che parlano sempre di Beppe Grillo??... Fa bene Massimo Fini a non chiedergli di concedervi l'intervista... E poi ho sentito che volete anche intervistare il copione Luttazzi...(!) Questo giornale sta prendendo una piega troppo vanesia... E quindi non so se a febbraio rinnoverò l'abbonamento.

mercoledì, novembre 14, 2012 | Emanuele Marconcini

R Massimo Fini, letterale, al telefono, con me: "oggi per un giornalista, chiunque esso sia, non parlare di Grillo significa non solo sbagliare, ma non saper fare proprio questo mestiere".

Al di là delle parole di Fini dirette a me, comunque, se di politica interna ci dobbiamo occupare - e ce ne vogliamo occupare - senza ombra di dubbio Grillo e il suo movimento rappresentano la più grande novità in assoluto del momento. E questo malgrado le tante - e certificate, se ti fai un giro in archivio - perplessità che solleviamo un giorno sì e l'altro pure.

Altra cosa, una anticipazione: metà del prossimo mensile, in uscita domani, è dedicato al "fenomeno Grillo".

Detto questo, Emanuele, fai come ti pare, se non rinnoverai ce ne faremo una ragione. Non penserai mica che cambiamo linea editoriale per ogni abbonato che non apprezza questo o quello, vero? O meglio: non penserai che strizziamo l'occhio per rincorrere qualche abbonamento in più o in meno?

A presto,
vlm

PS Luttazzi lo abbiamo già intervistato. E lo faremo ancora, eccome.

90 euro sono troppi di questi tempi

Obama: una lacrima non fa un galantuomo