Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

90 euro sono troppi di questi tempi

Commento all'articolo: Il nuovo Ribelle 2013

D Ammetto di essermi sinora perso questa pagina, anche perché ero rimasto alla tramissione "webradio" in cui mi pareva diceste di voler proseguire l'avventura del mensile. Da abbonato ad esso, se da un lato capisco benissimo le vostre ragioni, dall'altro non posso nascondere di essere dispiaciuto per la sua eliminazione, per i motivi che già altri lettori hanno elencato in precedenza.
Ad essi aggiungo che ora l'abbonamento "minimo" verrà a costare non meno di 90€ all'anno, e non sono pochi di questi tempi... tutto ciò detto, cercherò di sfruttare per quanto posso i mesi di abbonamento che mi rimangono, leggendo gli articoli sul web, e poi a malincuore non rinnoverò.

Marco Alberoni

R

Caro Marco,
il Mensile non è eliminato, ma semplicemente pubblicato all'interno del flusso del quotidiano. E ci saranno ulteriori raccolte in Pdf, sia degli articoli più lunghi e ragionati, sia in merito agli Speciali (il primo, densissimo, sugli Usa, è in preparazione).
In quanto all'abbonamento, come avrai visto, abbiamo virato tutti quelli solo mensile in versione Full, senza alcun sovrapprezzo, in modo che tutti possano accedere a tutto. Per il rinnovo di 90 euro all'anno, alla scadenza dell'abbonamento, è vero, si tratta di una cifra superiore a quella del "solo mensile". E infinitamente inferiore a quelle necessaria per leggere qualsiasi tra i quotidiani cartacei e on-line in circolazione, che peraltro ospitano pubblicità e percepiscono contributi pubblici. Siamo sicuri che leggere un sito come Repubblica, del tutto "free", sia davvero "free?". O non sia forse una vendita della attenzione dei lettori agli innumerevoli banner pubblicitari e articoli orientati a favore degli interessi degli azionisti del giornale di turno?

Noi però non possiamo (né vogliamo) fare altrimenti, come è facile immaginare: non ospitiamo pubblicità né percepiamo contributi pubblici né, ovviamente, abbiamo "aziende" sopra di noi che possano pagarci i conti. Rinunciamo ai nostri compensi pur lavorando a tempo pieno al progetto, ma i costi vivi non possiamo sostenerli senza l'appoggio dei nostri lettori. Se questi ultimi decideranno (o non potranno) sostenere l'abbonamento non ci sarà scampo: proprio perché siamo "liberi" e non dipendiamo da altri che loro, in quel caso il Ribelle terminerà la sua avventura. Senza retorica né rimpianti.

Come dire, se vuoi un giornale libero, compratelo.

Grazie per il commento,
vlm

Riflessioni sul CdA del Ribelle dell'altro giorno. E qualche bella proposta

Perché parliamo di Grillo?