Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Sana, naturale, libertà. Anche nel ridurre le leggi

Non pensate male: non ci siamo convertiti al pensiero unico liberale. Ma la notizia che il governatore del Friuli, Renzo Tondo del Pdl, abbia promosso un disegno di legge di un solo articolo (“Sono abrogate le leggi di cui all’allegato") che taglia d’un colpo 386 leggi regionali riducendole da 1.419 a 1.033 ci ha felicemente stupito. L’Italia deve districarsi in una fitta ragnatela di norme, leggine, regolamenti, circolari, deroghe e proroghe inutili, superate, contraddittorie, farraginose: che fanno la gioia del suo brulicante esercito di avvocati e la disperazione di tutti noi, sudditi di uno Stato leguleio e ossessivo. 

La deregulation tanto cara ai liberal-liberisti per dare mano libera a quella, tutt’altro che invisibile, del mercato non c’entra niente. Qui c’entra la libertà dalla fissa maniacale e ipermodernista di tutto regolare e tutto sanzionare. Non ne possiamo più di imbatterci in qualche divieto ad ogni piè sospinto, come accade sempre più spesso anche quando bighelloniamo in santa pace per la strada (in molti comuni non si può bere all’aperto, non si può portare a spasso il cane, non ci si può sdraiare nei parchi, addirittura, a Novara, non si può stare più di tre persone dopo una certa ora). Non ne possiamo più, se abbiamo una nostra impresa, magari piccola (le grandi hanno plotoni di legali e consulenti), di perdere giorni interi dietro alla burocrazia coi suoi mille certificati, bolli, permessi, nulla osta. Non ne possiamo più di sbarrare gli occhi quando sentiamo che sono in vigore leggi risalenti al Regno sabaudo, al regime fascista, ai primi anni della Repubblica. Soprattutto, ne abbiamo fin sopra i capelli dell’idea, puro portato della modernità, secondo cui ciò che non è consentito, è vietato. In fondo, solo questo chiediamo: un’esistenza più semplice, coi vincoli strettamente necessari a non autodistruggerci come società e come ambiente. Ecco perché ne servirebbero di più sugli oscuri meccanismi della finanza e molti di meno su tutto il resto. Altro che liberalismo: vorremmo soltanto un po’ più di sana, naturale libertà. 

 

Alessio Mannino

Bond in Dollari? Sì, come no.

Avatar: solo chiacchiere e distintivo