Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Piano per l'Euro: siamo in gabbia

Chiariamo subito l'aspetto essenziale ancora prima di entrare nei particolari: il contagio è già avvenuto e in sostanza è completo. L'Europa intera è nelle mani della speculazione e degli strozzini legalizzati.

Il "piano salva-euro" - si parla per ora di 720 miliardi - è già di per sé la consegna dei Paesi e dei popoli d'Europa, attraverso l'Euro, nella mani di altri. BCE e Fondo Monetario Internazionale in primo luogo. 

In altra parole, non siamo più sovrani e ne abbiamo la conferma. La mega riunione avvenuta ieri, in parole semplici, è questo. Anche se stanno cercando di farcela passare come un salvataggio, così come avvenuto per la Grecia, la sostanza delle cose non cambia.

Visto che noi, a differenza ad esempio, degli Stati Uniti, non possiamo stampare moneta per colmare temporaneamente eventuali lacune economiche, c'è qualcuno che è autorizzato a farlo per noi, ovvero Bce. E c'è un altro soggetto che arriva a "intervenire" per aiutarci, si fa per dire, ovvero l'FMI. Nel momento stesso in cui non siamo padroni della nostra moneta, visto che dobbiamo chiederla in "prestito", dietro pagamento di una percentuale ulteriore per andarla a restituire, siamo in sostanza nelle mani di chi può stampare moneta e concederla agli Stati.

Siamo, sinteticamente, nelle mani - e nel cappio - di chi comanda i fili. Questi soggetti intervengono dichiarando di farlo per aiutarci, e di contro ci concedono denaro "a strozzo" e ci impongono misure draconiane in merito a misure aggiuntive che ogni Paese deve - deve - adottare per correggere i propri deficit. Ovvero esattamente cosa è successo per la Grecia. E come ha annunciato per noi già Tremonti nel silenzio, o quasi, dei media ufficiali, come abbiamo scritto qui.

Questo aspetto non riguarda un domani. È già oggi tra noi. Checché ne scrivano i giornali.

Nei prossimi giorni, o nelle prossime ore, entreremo nei dettagli, che al momento sono molto fumosi, sebbene il dato di fondo non cambi: abbiamo il cappio al collo. Come volevasi dimostrare.

Non solo: tra qualche ora riaprono le Borse, e ne vedremo delle belle. Sulla nostra pelle.

Sintesi: la crisi è stata causata dalla finanza, dai grandi speculatori e dalle grandi Banche, facendo leva sulla loro capacità di giostrare una moneta che non è più dei popoli e dei Paesi, e ora, a crisi in atto, le stesse Banche & Co. intervengono per salvare il tutto con due meccanismi precisi. Il primo, concessione di denaro a interesse. Il secondo, imposizione di misure sociali in grado di strozzare i Paesi che sono costretti ad adottarle.

Facile la somma. Dalle parti di Atene già se ne sono accorti. 

 

Valerio Lo Monaco

Prima pagina 10 maggio 2010

Secondo i quotidiani del 10/05/2010