Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Portogallo: vince il Psd ma governa il FMI

A vincere è stato il Psd, in Portogallo (ne parliamo in altro articolo di oggi)  ma il governo sarà in mano ad altri. La destra avanza, dunque, dalle parti di Lisbona, e pure con una percentuale altissima di astensione - oltre il 42% - i cittadini portoghesi si sono espressi per mandare a casa il governo socialista di Socrates, che aveva paventato grossi tagli e una direzione di austerità per andare incontro alle richieste del Fondo Monetario Internazionale onde poter accedere ai fondi di salvataggio per la disastrosa situazione economica.

Come in altre parti d'Europa, però, il fatto di cambiare governo sperando in una migliore gestione del Paese è solo una pia e soprattutto ingenua speranza da parte dei cittadini: a vincere è stato il Psd ma a governare il Paese sarà il Fmi.

Come in Grecia e in Irlanda, infatti, pur essendo in carica dei regolari governi votati democraticamente, le sorti dei Paesi sono nei fatti in mano a chi detiene le leve dell'economia e della finanza. La politica interna si può unicamente limitare a gestire e ad applicare i diktat provenienti dall'alto. Con un una ulteriore aggravante: mentre i tagli e di fatto la situazione sociale dei paesi viene imposta a livello sovranazionale, i problemi interni che ne derivano devono essere risolti immancabilmente dalla politica interna. Si chiede insomma ai paesi di tenere sotto controllo una situazione difficile (de)generata da decisioni prese altrove. Soluzioni locali a imposizioni e problematiche globali.

È una cosa elementare, eppure la maggior parte dei popoli d'Europa sembra ancora non essersi resa conto che la propria sorte non passa affatto dalla politica interna, ma da quanto essa è costretta a fare dalle organizzazioni apolidi alle quali ha concesso e delegato la propria sopravvivenza (mediante il controllo dell'economia).

Red 

Santoro divorzia dalla Rai. Ma la "libertà" è altra cosa

Un grillino piccolo piccolo