Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
La WebRadioNotizie, talk, live, e musica dalla redazione del Ribelle
Fondatore Massimo Fini - Direttore Responsabile Valerio Lo Monaco
  • Home
  • PAGINE ▼
  • Sezioni Sito ▼
  • WebRadio ▼
  • WebTV ▼
  • Mensile ▼
  • Info ▼
  • NEGOZIO
  • Il Ribelle Minuto per Minuto
  • Abbonamenti
  • Accesso Abbonati
  • Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
    domenica
    dic092012

    La tempesta, politica, in un bicchier d’acqua

    Mario Monti si dimette, ma non cambia nulla. Se non il fatto che ora ha le mani “più libere”, ovvero potrà 1) correre direttamente alle elezioni candidandosi 2) essere a disposizione per un nuovo governo, se, com’è prevedibile e caldamente sperato dai partiti misoneisti, dalle elezioni non dovesse uscire una maggioranza parlamentare.

    Bene ha scritto il Ribelle nell’apertura di ieri: è una fiction, un film, una sceneggiatura per appassionare il popolo facendo teatro.

    Ma, ripeto, non cambia nulla. Nulla di importante o determinante. È chiaro che dai centri di comando dell’Europa finanziaria, così com’è facile presumere anche per gli Stati Uniti, la “continuità” montiana è la via preferita. Il ludo cartaceo anticipato a fine febbraio o inizio marzo, nelle intenzioni di chi manovra e briga all’estero e a Roma su mandato della Trojka, sarà una seccante ma, stringi stringi, innocua formalità.

    Certo, il ritorno di Berlusconi, ai banchieri e ai loro sgherri, piace pochissimo, per le ragioni che spiegavo l’altro giorno. E l’incognita Grillo è una bella rogna. Ma un duello vintage Berlusconi vs Bersani con l’ex comico a fare da terzo incomodo, monopolista in parlamento della protesta montante, con Lega ed estrema sinistra a far da contorno, costituisce uno scenario che sembra fatto apposta per richiamare in servizio il salvatore della patria, la riserva della repubblica in servizio permanente effettivo, il finto dimissionario Monti. O se non lui, una sua fotocopia.

    Per carità, dalle urne potrebbe anche uscire un risultato favorevole al centrosinistra, anche se immaginiamo con ridottissimo margine. Nel qual caso Bersani eliminerà ogni illusorio, elettoralistico profumo di sinistra e si spruzzerà addosso tecnocraticissime litrate di “acqua di Francoforte”. Di sicuro, il redivivo tirannello di Arcore non ha alcuna chance (a parte la sua figura logora e ridicola, è attorniato da una banda di nani che farebbero fare brutta figura perfino a De Gaulle) mentre i grillini farebbero bene a ficcarsi in testa che dovranno fare opposizione guerrigliera, non giocare al bravo deputato con propostine al seguito.

    Siamo in un periodo politicamente molto incerto e fluido. Un mercato delle vacche, delle sigle e delle liste, senza storia e senza una parvenza di coerenza, senza grandi obbiettivi e senza uno straccio di onestà intellettuale, visto che tutti – tutti – sanno che tanto, siamo qua a subire le conseguenze di un meccanismo, una latouchiana megamacchina, a cui il voto fa il solletico. Che il prurito possa aprire la ferita, è la speranza di chi vede bene un’affermazione dei 5 Stelle. Ma in ogni caso, per dissanguare il nemico serve ben di più e di altro. Per ora, assistiamo alle contorsioni  e agli auto-medicamenti – puro effetto placebo - del malato.

    Alessio Mannino

    PrintView Printer Friendly Version

    EmailEmail Article to Friend

    Reader Comments (3)

    Buongiorno.

    Ben detto...una bella recita.

    A metà strada tra il senso della fine de "Gli ultimi giorni di Pompei" e il pecoreccio de "Squadra antitruffa".

    In effetti, la sintesi: "Gli ultimi giorni della Squadra antitruffa" rende bene l'idea del momento...

    Ingroia è finita in Guatemala e Napolitano l'ha avuta vinta, no?

    Saluti.

    lunedì, dicembre 10, 2012 | Registered CommenterBruno Di Prisco

    No, non cambia niente. Però non mi sarei aspettato che questi omuncoli dei politici continuassero a giocare per i loro piccoli interessi di bottega così facciatamente. L'annuncio della salma di Berlusconi che torna (per tentare di ritardare la sua tumulazione) e fa danni (non solo di spred) e Bersani che non vuole la data unica per le elezioni (tanto i soldi che si perdono non escono dal suo portafoglio) per calcoli elettorali sono solo l'esempio che questi vogliono un'Italia che come nella canzone di Battiato "Povera Patria" ...non cambierà.
    MA SPERIAMO CHE "CAMBIERA'" !!!!

    lunedì, dicembre 10, 2012 | Registered CommenterStefano Fini

    è TORNATO BERLUSCONI- piddini e attivisti del 5 Stelle preoccupati per lo spread che sale, la borsa che scende e l'Italia che sta male...........ma come, non sapevo che si era andati a votare, e che aveva vinto Berlusconi. AHAHA UHUHUHU, mi fanno troppo ridere....e ti pareva, sempre colpa di Silvio !

    lunedì, dicembre 10, 2012 | Registered CommenterEmanuele Marconcini
    Member Account Required
    You must have a member account on this website in order to post comments. Log in to your account to enable posting.
    comments powered by Disqus