Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

RASSEGNA STAMPA DEL 30/07/2008

Euroschiavi, ovvero la tetra e inconsapevole schiavitù dell’uomo contemporaneo.
La morte imminente della libertà di informazione su internet.
Sociologia delle vacanze (di massa).

Indice

Politica e Informazione

Ecologia e Localismo

Economia e Decrescita

Internazionale, Conflitti e Autodeterminazione

Cultura, Filosofia e Spiritualità

Articoli

Politica e Informazione

  • di Eugenio Orso
          Bisogna rendersi conto dello scopo del denaro. Se pensate che è una trappola per acchiappare i gonzi, o un mezzo per sfruttare il pubblico, sarete ammiratori del sistema bancario operato dai Rothschild e dai banchieri di Wall Street. Se pensate che è un mezzo per estrarre profitti dal sudore del popolo, sarete ammiratori della borsa.   Questo sosteneva, molti anni fa, il <... segue
  • di Massimo Gramellini
    Cosa pensereste se vi dicessero che la Polizia ha rinnovato il guardaroba deisuoi ragazzi, dotandoli di nuove camicie e nuovi cinturoni? Forse che conquei soldi avrebbe fatto meglio a innaffiare le loro buste-paga. Ma se insovrappiù vi svelassero che quelle camicie e quei cinturoni giaccionoinservibili dentro i cassetti delle questure perché nel frattempo, all´insaputa del sarto, la Polizia ha <... segue
  • di Kevin Parkinson
      Il Canada sarà il banco di provaNegli ultimi 15 anni, più o meno, come società abbiamo avuto accesso a più informazioni che mai nella parte di storia che definiamo moderna, grazie ad internet. Ci sono approssimativamente 1 miliardo di utenti nel mondo e teoricamente ciascuno di essi può comunicare in tempo reale con gli altri del pianeta. Internet è stata di gran lunga la conquista <... segue
  • di Carlo Gambescia
    Sta per iniziare, come ogni anno, il “grande esodo estivo”: tutti o quasi vanno in vacanza. Ma, come si dice, cerchiamo di andare oltre la cronaca. Ebbene, in principio era Blackpool... Una località balneare inglese. Nel 1937 fu meta di vacanze per 7 milioni di persone. Ma i lavoratori britannici vi si recavano in massa almeno dalla metà degli anni Venti, cominciando così ad assaporare per primi <... segue
  • di Massimo Fini
    HOLETTO su Internet, di cui, come tutti igiovani, sono un gran frequentatore, unanotizia che ha dell’incredibile. Due scienziatiinglesi avrebbero consigliato, peraltro inmodo piuttosto perentorio, alle coppiebritanniche di non fare figli o di farne almassimo due. Motivo? Ridurrrel’inquinamento. Se non è una bufala (suInternt ne girano parecchie) mi pare una cosapazzesca. Mi può confermare questa <... segue
  • di Mario Grossi
      Ho sempre avuto il terrore dei giornali. I quotidiani mi hanno costantemente messo a disagio anche se ne ho una frequentazione più che trentennale. Mi ha sempre disturbato il fatto che diventassero vecchi, esaurissero la loro funzione nel giro di una giornata, dall’alba al tramonto. Fu così che cominciai una pratica che conduco ancora oggi: accatastavo su una sedia i quotidiani <... segue
  • di Maurizio Ricci
        La marcia trionfale della globalizzazione si era già fermata. Almeno da due anni, l'idea che l'economia mondiale fosse inevitabilmente destinata ad integrarsi sempre più, con benefici a cascata per tutti, aveva perso vigore e capacità di convinzione. Ma, adesso, lo scenario che rischia di aprirsi è quello della ritirata. Il fallimento, ieri, a Ginevra, del disperato tentativo <... segue
  • di Mario Cervi
        Di solito le Camere approvano i loro bilanci con sveltezza e anche con destrezza. Si tratta di conti insindacabili. Con gravità e senza che gli scappi da ridere i Soloni che li hanno elaborati spiegano a noi comuni mortali come dovremmo fregarci le mani dalla contentezza: perché gli eletti dal popolo - più precisamente, dalle <... segue
  • di Jeremy Bigwood
     Le campagne interne di propaganda, come "il fiasco dei guru del Pentagono", risultano esposte al pubblico scherno. I grandi mezzi di comunicazione hanno fatto largo uso di alti ufficiali per scrivere "analisi" sul conflitto in Iraq. Poi però si è scoperto che avevano legami con i "contrattisti" del Pentagono medesimo con l'interesse nella prosecuzione della guerra. Sotto il radar fermenta <... segue
  • di Luigi Tedeschi
        L ’Italia attuale sembra vivere con impotente rassegnazione una crisi sistemica dissolutiva, sia economica che politica che sta gradualmente distruggendo le certezze di mezzo secolo di relativo benessere ed ignavia culturale e morale. La decadenza è evidenziata dal calo dei consumi, dallo stallo ormai quasi decennale della crescita. Infatti il livello elevato dei consumi che ha <... segue
  • di Costanzo Preve
      Intervista con il Prof. Costanzo Preve a cura di Luigi Tedeschi   1) Viviamo in un’epoca che sembra abbia eternizzato il presente. Infatti, sembrano essere scomparsi dalla società i giovani, cioè l’elemento vitale di proiezione del presente verso il futuro, rendendosi perciò problematico il naturale ricambio generazionale che costituisce la base di ogni progettualità del presente. <... segue

Ecologia e Localismo

  • di Marco Cedolin
        Ai teorici della crescita infinita, proponimento che all’interno di un mondo finito rappresenta un cortocircuito logico quanto mai disarmante, non manca certo la fantasia, né mancano i danari (quelli dei cittadini contribuenti) per tradurla in pratica qualora esista l’opportunità di trasformarla in profitti miliardari. Questi signori che drammaticamente rappresentano la classe <... segue
  • di Paolo D'Arpini
    Fonte: circolovegetarianocalcata
    Tarquinia è casa mia.... ed i tarquiniesi sono miei fratelli ma un po' meno   " I SIGNORI" CHE VOGLIONO IL CARBONE   Sì, amici di Tarquinia, sono completamente d'accordo con voi e prego Dio di illuminare la mente dei destinatari del vostro telegramma.... oppure... considerando che forse Dio non si vorrà impicciare degli affari troppo sporchi di quaggiù, propongo di offrire  una <... segue
  • di redazionale
    Il settore agricolo produce tra il 12 e il 14% delle emissioni mondiali di gas serra, che provengono soprattutto da fermentazione enterica degli animali da allevamento, rifiuti, incenerimento di biomasse, produzione di riso, protossido di azoto di suoli, biomasse bruciate e sterco. Il metano proveniente dagli stomaci degli animali e il protossido di azoto del suolo sono la <... segue
  • di Stefano Montanari
              Lo Stato ha trionfato.   "Il consenso prestato dal Governo italiano all'ampliamento dell'insediamento militare americano all'interno dell'Aeroporto Dal Molin è un atto politico, come tale insindacabile dal giudice amministrativo, secondo un tradizionale principio sancito dall'art. 31 del testo unico delle leggi sul Consiglio di <... segue
  • di redazionale
  • di Valerio Pignatta
      Il vino proviene dalla fermentazione dello zucchero dell’uva, fermentazione attuata da microorganismi chiamati lieviti, esseri microscopici che lo scompongono trasformandolo in alcool. Questi lieviti si trovano ovunque in natura (fiori, foglie, corteccia degli alberi, terreno ecc.) e arrivano sugli acini dell’uva trasportati dagli insetti e dal vento. L’azione di questi microorganismi <... segue
  • di Luca Bernardini
    Il 26 giugno il Senato italiano ha approvato all’unanimità una mozione sottoscritta da 75 senatori di entrambi gli schieramenti per la salvaguardia e la valorizzazione della dieta mediterranea.L’Italia, in intesa con la Spagna, la Grecia e il Marocco, dovrà presentare all’Unesco il progetto di candidatura entro il 14 agosto 2008; questo dossier passerà poi al vaglio dell’Unesco, <... segue
  • di Maurizio Pallante
      Caro Totò,le serate senza televisione sono lunghe e noiose. Così ieri, non sapendo come passare il tempo, mentre pensavo alle sofferenze della tua città mi sono improvvisata psicononsobenecosa e ho elaborato un test d’intelligenza che ti sottopongo.La domanda iniziale finalizzata a stabilire il livello minimo, la formulerei così: in un sistema economico fondato sulla crescita della <... segue
  • di Marinella Correggia
     Incendi dolosi, pascolo, taglio illegale del legname, prelievo incontrollato di carbone, espansione della frontiera agricola. Pare di sentir elencare le cause della distruzione dell'Amazzonia brasiliana. Invece questo cahier de doléances si riferisce al Burkina Faso; ne parla l'agenzia stampa internazionale Inter Press Service, citando uno studio del ministero dell'Ambiente : 110.000 ettari <... segue

Economia e Decrescita

Internazionale, Conflitti e Autodeterminazione

  • di Stefano Pilotto
    Fonte: Il piccolo
    L'arresto di Karadzic apre una nuova fase nel dialogo fra comunità internazionale e Serbia. I giornali sono pieni di rievocazioni dei combattimenti, di abusi e violazioni commessi in nome degli opposti interessi nazionali balcanici. Abusi che si svilupparono nei territori della ex Jugoslavia fra il 1991 ed il 1999. Quasi dieci anni di conflitti brutali hanno scosso i luoghi, la gente, la memoria <... segue
  • di redazionale
    Ieri abbiamo parlato della lettera di D´Alema, Fini, La Malfa, Parisi e Calogero al Corriere della sera per sottolineare la necessità del disarmo nucleare e di un vero meccanismo di non proliferazione, oggi arriva loro un autorevole aiuto, forse non del tutto gradito: «Nessun meccanismo internazionale protegge il mondo contemporaneo dalla minaccia costituita dalla proliferazione delle <... segue
  • di etleboro
      Decine di migliaia di persone sono scese in piazza a Belgrado per manifestare contro l'arresto cattura e l'estradizione dell'ex leader serbo Radovan Karadzic. La città sembra blindata, con imponenti cordoni di agenti intorno alla Piazza della Republica di Belgrado, Trg Republike, e stabilendo quasi un coprifuoco nella città. L'ambasciata americana a Belgrado ha deciso di chiudere le sue <... segue
  • di Luiz Alberto Moniz Bandeira*
    Nell’ambito dell’apertura e dei cambi graduali che il governo cubano sta introducendo, l’avvicinamento al Brasile e al Mercosur sembra essere la migliore alternativa per evitare di cadere nell’orbita economica statunitense.Raúl Castro ha iniziato un processo graduale volto a cambiare l’economia e le relazioni internazionali di Cuba. All’interno, egli spera di di legittimare il suo governo <... segue
  • di Giuseppe Zaccagni
      Per Napoleone valeva il motto “l’intendenza seguirà”. Per gli americani vale invece quello del “Prima i bombardamenti” e poi arriveranno gli affari. Ed è quello che si sta realizzando nell’Iraq a partire dal 20 marzo 2003, inizio dell’aggressione-occupazione. Ora il grande capitale, che ha appoggiato tutte le iniziative americane, presenta il conto. E nella lista di chi <... segue
  • di Antonella Vicini
      Si chiamano “danni collaterali”, ma sono violazioni ordinarie nei confronti dei civili nei conflitti armati di cui l’esercito Usa – o chi per loro - ha esperienza da esportare, insieme alla “democrazia”.L’Afghanistan è uno dei terreni privilegiati per mettere in pratica questa abilità, tanto che proprio nel mese di giugno le Nazioni Unite hanno diffuso un rapporto in <... segue

Cultura, Filosofia e Spiritualità

  • di Stefano Di Ludovico
    L’ungherese Karl Polanyi è stato senza dubbio uno dei maggiori storici dell’economia del Novecento, autore di opere fondamentali tradotte nelle maggiori lingue quali La grande trasformazione, Traffici e mercati negli antichi imperi, La sussistenza dell'uomo: il ruolo dell'economia nelle società antiche (in Italia tutte edite dalla Einaudi). Eppure il suo pensiero, non rientrando nel paradigma <... segue
  • di Nicoletta Antonello
    Mircea Eliade nacque a Bucarest nel 1907 e morì a Chicago nel 1986. Si formò culturalmente nella Romania del primo dopoguerra, fino al soggiorno in India (1928-1931), che impresse nei suoi interessi di ricerca la svolta fondamentale verso l’orientalistica e la storia delle religioni; tornato in patria nel 1931, si laureò infatti discutendo una tesi sullo yoga. Dal ‘33, anno in cui ottenne la <... segue
  • di Stefano Di Ludovico
    Ci sono alcune idee fondamentali della civiltà occidentale che ci appaiono del tutto ovvie e scontate. Esse sono a tal punto connaturate alla mentalità dell’uomo moderno che ci sembra quasi impossibile immaginare la possibilità di società fondate su altri presupposti. Eppure, ad un’analisi più attenta, che sappia liberarsi degli idola del nostro tempo, tali idee appaiono non solo come specifiche <... segue
  • di Eugenio Orso
          Giunto alla stazione centrale di Bologna la scorsa sera luglio, ho atteso l’euronight diretto a Vienna via Mestre passeggiando sul lungo marciapiede, immerso in una folla anonima di viaggiatori, ho fatto scorrere il tempo dell’attesa sostando per un poco nelle sale d’aspetto e percorrendo un paio di volte, a lenti passi, il sottopassaggio, con l’attenzione a <... segue
  • di miro renzaglia
      Cut-up? E’ un metodo di (de)costruzione del testo. Consiste nel ritagliare i brani di una o più pagine già scritte da altri, darle una nuova sequenza e farle diventare qualcosa di diverso, di proprio e di originale. Talmente originale che si può fare tranquillamente a meno anche di citare la fonte primaria. Metodo, questo del cut-up, che ha per immediato predecessore la famosa ricetta <... segue
  • di Danilo Arona
        Da anni artisti, scrittori, sensitivi e persone normali la sognano. La vedono. La percepiscono.Tutti la chiamavano "l'Onda". La visione condivisa infatti è paragonabile a un'enorme muraglia tsunamica, alta decine di metri, che sopravvanza e abbatte città, s'insinua nelle frange collinari e lambisce le montagne. Per i più senza ombra di dubbio si trattava di acqua. Ma altri <... segue

    a cura di Arianna Editrice

"L'Amore Occulto" - Maurizio Pradeaux - Greco&Greco

Tryo - Toi et moi