Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

RASSEGNA STAMPA DEL 07/11/2008

a cura di Arianna Editrice

Indice

Politica e Informazione

Ecologia e Localismo

Economia e Decrescita

Internazionale, Conflitti e Autodeterminazione

Cultura, Filosofia e Spiritualità

Storia e Controstoria

Articoli

Politica e Informazione

  • di Manuel Zanarini
     Cosa si intende per “Sindrome di Stoccolma”? Nel 1973, la “Kreditbanken” di Stoccolma venne presa d’assalto da alcuni rapinatori, i quali, una volta scoperti dalla polizia, vi si asserragliarono dentro, tenendo in ostaggio alcuni dipendenti per sei giorni. Tra i sequestrati ed i sequestratori si instaurò un rapporto di comprensione reciproca, che spinsi i < ... segue
  • di redazionale
    Invitandovi a leggere questo per conoscere quali siano gli amici del nuovo Presidente degli Stati Uniti d’America, oggi diamo l’addio a George H. W. Bush con una scelta delle sue più acute esternazioni, tratte dal testo di Effepi editore.Il PedagogoVedete, la mia linea di lavoro è: continua a ripetere le cose, continua e continua, finché la verità < ... segue
  • di Carlo Gambescia
    Promettiamo solennemente che, dopo la pubblicazione di questo post, non ci occuperemo per qualche settimana di Obama. Anche perché non siamo americanisti di professione e perciò riteniamo giusto che siano altri, più preparati di noi, a seguire la questione.C’è però un ultimo punto che da sociologi ci intriga indagare. Quale? Quello del notevole consenso che < ... segue
  • di Massimo Fini
    Nel 1999 gli Stati Uniti aggredirono la Serbia senza, anzi contro, il consenso dell’Onu. Nel 2003 hanno invaso l’Iraq senza, anzi contro, il consenso dell’Onu. Qualche giorno fa hanno fatto un raid, aereo e di terra, in Siria, uccidendo otto civili secondo Damasco, mentre il Pentagono sostiene di aver fatto secco un terrorista, un certo Abu Ghadiva. In ogni caso un atto di < ... segue
  • di Michele Altamura
    Si chiudono le urne e si accendono i riflettori sul nuovo Presidente americano Barack Obama. Simbolo del voto popolare americano, ottiene in poco tempo consensi e finanziamenti, dichiarandosi tuttavia un "uomo libero" dalle lobbies e dai gruppi di potere, che dovrà dunque rispondere solo al volere del popolo americano. Molte le speranze, molti i dubbi, forse nulla cambierà < ... segue
  • di redazionale
    Fonte: iger
    Nell'ambito del LABORATORIO DI ANALISI POLITICA dell'Istituto Gramsci (Responsabile scientifico: prof. Carlo Galli)giovedì 13 novembreOltre la destra e la sinistraMarco Tarchi (Università di Firenze)ore 17.00 Sala dell’Aquila, Via Galliera 26, BolognaAttraverso il dialogo fra intellettuali di differenti formazioni scientifiche e di divergenti opzioni politiche il < ... segue
  • di Geronimo
    Chi scrive è cresciuto in un partito nella cui politica campeggiava come valore fondante l’amicizia e l’alleanza con gli Stati Uniti d’America. Un popolo, quello americano, che aiutò l’Europa a liberarsi dalla feroce tirannia del nazifascismo e il mondo dal comunismo. Quella antica convinzione e quei sentimenti sono ancora oggi vivi e vitali in tutti noi. Una < ... segue
  • di Antonella Randazzo
         Dire “me lo aspettavo” non basta. Bisogna capire le motivazioni della vittoria di Barack Obama.In una situazione di grave recessione, in cui aumentano sempre più le persone costrette alla povertà, le parole magiche e vincenti sono “Welfare” e “redistribuzione".Per un popolo piegato dall’oppressione di un ristretto < ... segue
  • di Alessandra Farkas
           Parla David Brooks, il columnist conservatore di punta del New York Times, che il mese scorso fece scandalo dissociandosi dal ticket McCain-Palin, in polemica con la governatrice dell`Alaska da lui definita «il cancro terminale dei GOP (il Grand Old Party repubblicano, ndr)».«Ho incontrato Barack Obama almeno cinque volte», racconta < ... segue
  • di Carmelo Lopapa
     Sotto la stretta della recessione e in tempi di tagli generalizzati, l`intransigente ministro sforbiciatore Tremonti ha comunque trovato il modo (e i mezzi) per salvare i partiti. Il dipartimento del Tesoro ha appena comunicato alla Camera il versamento di un fiume di denaro che in queste ore sta già affluendo alle casse delle segreterie. Ammonta a 24.376.540 euro. Pdl e Pd (nelle < ... segue
  • di Fulvio Bufi
    Il caso delle 362 persone assunte per la raccolta differenziata e stipendiate per anni senza fare nulla Rifiuti, il conto degli sprechi: 34 milioni La procura della Corte dei Conti: paghino Bassolino e la Iervolino L`indagine dei magistrati contabili si concentra sul periodo compreso tra il 2003 e il 2007 NAPOLI - Per fare la raccolta differenziata a Napoli i mezzi a disposizione agli inizi del < ... segue
  • di redazionale
    TALEBAN PER DIALOGO MA GLI AMERICANI DEVONO RITIRARSII taleban afghani fanno una timida apertura nei confronti del presidente eletto Barack Obama ma avvertono che, se non si cambiera' politica e in particolare se gli americani non si ritireranno, la lotta diventera' sempre piu'aspra. ''Non c'e' ne' tristezza ne' contentezza tra i taleban per l'elezione di < ... segue

Ecologia e Localismo

  • di Stefano Montanari
             E adesso Barack Obama potrà tirare un sospirone di sollievo. Mica perché ha vinto le elezioni: che la cosa non avvenisse era quasi impossibile. E, infatti, è regolarmente avvenuta. Il sollievo sta nella rassicurazione che il nostro Silvio manda al suo più giovane collega: “ Tu sei un pivellino, ma non ti < ... segue
  • di Andrea Bertaglio
    Si sente dire in questo periodo che il “crash finanziario” di questi ultimi mesi non rappresenta solo la fine di un’era, ma anche la fine degli stili di vita a cui ci eravamo abituati. Speriamo solo sia vero. Il “feticismo delle merci”, per dirla con Marx, ci ha fatto completamente uscire di senno. Fare debiti per comprare una casa, un’auto o una moto non era < ... segue

Economia e Decrescita

Internazionale, Conflitti e Autodeterminazione

  • di Luca Bionda - Giovanna Canzano
     …“Oggi le maggiori ONG, nate in massima parte negli Stati Uniti e solo in un secondo tempo in Europa, Canada ed Australia, sono in grado di pianificare un’infiltrazione multiforme del “modello occidentale” su diversi strati sociali in territori altrimenti inaccessibili a livello politico…”  (Luca Bionda)CANZANO 1 – Le organizzazioni non < ... segue
  • di byebyeunclesam
     Dopo quattro anni in cui il Pentagono gli ha cercato una sede in giro per il continente ed in attesa di porlo nella base di Camp Lemonier a Gibuti, lo scorso 1 ottobre 2008 si è insediato AFRICOM, il comando delle forze armate USA per l’Africa, diretto dal generale William E. (Kip) Ward. Per ora a Stoccarda, città tedesca che ospita anche il comando per l’Europa, < ... segue
  • di Donald Macintyre
      Il dipartimento per lo Sviluppo internazionale sta tentando di capire come sborsare la seconda tranche di 15 milioni di sterline - sui 30 milioni assegnati a luglio da Gordon Brown in aiuti ai palestinesi - senza che essi vengano usati esclusivamente per compensare l’impatto del pagamento dei salari degli impiegati dell’istruzione e della sanità in sciopero a Gaza. < ... segue
  • di Chiara Castellani*
    Che sta succedendo nel Nord Kivu? Si sta consumando una guerra più sporca di altre? O stiamo assistendo a un secondo atto della guerra etnica di hutu contro tutsi scoppiata tredici anni fa nel troppo vicino Ruanda?Gli ultimi aggiornamenti. Dopo due giorni di combattimenti le forze ribelli guidate dal generale Nkunda hanno conquistato la città di Kiwanja e sconfitto le milizie < ... segue
  • di Miguel Martinez
     L'euforia - come quella per l'elezione di Obama - ha sempre bisogno di negare l'ovvio.Ribadiamo quindi l'ovvio.Non è un caso che un capitalismo travolgente desideri un sistema uninominale, all'americana per l'appunto, per gestire l'amministrazione quotidiana.Il sistema elettorale statunitense mette in gara due concorrenti, per ottenere il voto degli < ... segue

Cultura, Filosofia e Spiritualità

  • di redazionale
          Il dossier centrale del numero 129 di Eléments si intitola "Méditerranée notre mère" e contiene l'editoriale di Alain de Benoist/Robert de Herte (La Méridienne), un lungo colloquio fra Alain de Benoist e Danilo Zolo ("La Méditerranée, c'est l'avenir de l'Europe!", un articolo < ... segue
  • di Alfredo Salsano
    Fonte: bollatiboringhieri
    Il dono nel mondo dell'utile Alfredo SalsanoUn piccolo e importante libro per capire e discutere l’utopia del dono come chiave dei rapporti antiutilitari tra le persone, fuori dalla gabbia delle leggi economiche del mondo contemporaneo.Anno 2008Collana «Temi»Prezzo €13,00144 < ... segue

Storia e Controstoria

  • di Francesco Lamendola
    Da sempre gli storici discutono su chi porti la maggiore responsabilità per la scoppio della guerra russo-polacca che, preannunciata da alcuni scontri di frontiera nel 1919 (ma la «frontiera, appunto, non esisteva: era questo il problema), precipitò nella primavera successiva con la repentina irruzione polacca fino a Kiev; vide poi una temibile controffensiva sovietica, che < ... segue
  • di redazionale
    Fonte: saturniatellus
    lunedì, 10 novembre 2008, ore 18:00 Federico Gizzi "Geografia sacra" della Terza Roma Aldo Giovanni Ricci Il mito di Roma come guida del pensiero e dell'azione di Giuseppe Garibaldi Vicolo del Puttarello, 25 (Fontana di Trevi) a cura del Movimento Tradizionale Romano lacittadella@email.it www.saturniatellus.comFederico Gizzi, nato a Roma e laureato in Lettere alla Sapienza con < ... segue

RASSEGNA STAMPA DEL 11/11/2008

La coerenza ha pagato (Archivio Fini: per abbonati)