Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

"Caro Gregory, la felicità non è un diritto" (archivio Fini: per abbonati)

L'Europeo 40/2 ottobre 1992 - Il conformista

La vicenda del bambino che ha fatto causa alla propria madre fa riflettere. Quando ci si batte solo per le proprie ragioni, si finisce con il calpestare le altrui

In un suo splendido racconto Ray Bradbury narra la storia di un bambino di otto mesi che ha le forze e gli istinti della sua età, ma un'intelligenza da adulto. Questo bambino odia i propri genitori, da cui si sente poco amato, e vorrebbe ucciderli. Il suo impulso omicida non conosce remore morali perché è, appunto, un bambino e come tutti gli esseri primitivi ascolta solo i propri istinti. Il suo problema è di non avere le forze per attuare il proprio proposito. Ma un giorno trova la brillante soluzione: piazza, gattoni, una viscidissima saponetta in cima alla ripida scala a chiocciola che unisce i due piani dell'appartamento. L'urlo agghiacciante della madre che tomba giù da quella scala chiude l'inquietante e fantascientifica novella di Bradbury. (...)

Continua a leggere: entra nella parte riservata o abbonati e sostieni La Voce del Ribelle.

RASSEGNA STAMPA DEL 11/03/2009

RASSEGNA STAMPA DEL 10/03/2009