Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Secondo i quotidiani del 01/12/2010

1. Le prime pagine

Roma - CORRIERE DELLA SERA – In apertura: “Sì alla riforma tra proteste e scontri”. Sotto: “La guerriglia della generazione Facebook”. Di spalla editoriale di Aldo Cazzullo: “La fragile unità del nostro paese”. A centro pagina: “Berlusconi e Putin, ecco i file segreti”. “I governatori in rosso? Da rimuovere”. “Ordine di cattura per Julian Assange”. A fondo pagina: “Finmeccanica, sospetti di depistaggio”.

REPUBBLICA – In apertura: “Sì alla riforma, università in rivolta”. Di spalla: “L’istruzione precaria”. “Fini e Casini uniti: ‘Sfiduciamo il Cavaliere’”. A destra: “L’Interpool a caccia di Assange”. Sotto: “Chi ha paura della glasnost”. A centro pagina: “Crisi, la speculazione attacca l’Italia”. “La moneta spezzata”. “Inchiesta Finmeccanica, il presidente Enav disse: ‘Il pm Capaldo sarà fermato’”. A fondo pagina: “Pompei continua a crollare e per Bondi va tutto bene”. “L’Europa abbatte i gas-serra, il suo cuore diventa verde”. “Il calcio si ferma per due giorni”.

LA STAMPA – In apertura: “Università, sì della Camera”. Di spalla: “Gli scontri che rovinano la riforma”. In taglio alto: “Letta: se l’euro viene attaccato rischi per l’Italia”. A destra: “Il nodo diventa sempre più stretto”, si Mario Deaglio. A destra: “L’Interpol ordina: arrestare Assange”. “Pompei, crolla un altro pezzo degli scavi”. “Calcio, è rottura, 11 e 12 dicembre niente partite”. In taglio basso: “Il divorzio 40 anni dopo: una legge da cambiare”.

IL SOLE 24 ORE – In apertura: “Trichet: l’euro non rischia”. Di spalla: “Il merito all’università è un aiuto ai giovani”. A centro pagina illustrato da un fotocolor: “Sì alla riforma degli atenei, proteste nelle città”. A centro pagina: “La Ue indaga su Google per posizione dominante”. “Al fisco il primo round con gli istituti di credito per l’abuso di diritto”.

IL GIORNALE – In apertura: “Bersani si tiene i soldi dei precari”. “Il diritto di dire basta (e senza funerali)”. A destra: “Una buona legge: chi la contesta non ha argomenti”. A cnetro pagina: “Il nostro istituto di cultura fa propaganda anti premier”. A fondo pagina: “Lo sciopero più assurdo della storia”. “L’avamposto di nostri medici che ridà speranza all’Africa”.

LIBERO – In apertura: “Fini vuol fregarci i Bot”. A sinistra: “La strategia futurista: seminare il panico”. In taglio alto: “Passa la riforma dell’università”. “‘Ultima legge del Cav’. Il presidente in aula soltanto per la diretta tv”. “Gli studenti menano. Era meglio studiare”. A centro pagina: “Bersani sacrificabile. Pure D’Alema si arrende”. “Del Turco a processo Ma la tangente dov’è?”. “La notte bunga del giovane Montezemolo”. A fondo pagina: “Due riforme”.

IL FOGLIO – “C’è un nuovo Medvedev a parlare in tv a tutta la Russia (chissà perché?)”. “Cablo da Washington”. “Il ‘bulldozer’ che difenderà Israele”. “Non sono i soldi a pioggia a far risollevare gli atenei”. “Ma quale cinico?”. Perché la generosa Svezia non assiste inerte all’eurotracollo”. “Siesta madrilena”.

IL MESSAGGERO – In apertura: “Università, si alla riforma tra le proteste”. “Contratti di ricerca a termine, codice etico contro Parentopoli”. Di spalla: “Camvbiare senza fermarsi a metà”. “Roma, scontri nel entro blindato. Occupata Termini”. A centro pagina: “Muti sul podio incanta l’Opera”. “Monicelli, addio senza funerali”. A fondo pagina: “‘Così fermeremo il pm di Finmeccanica’. Inchiesta bis sulle pressioni dei vertici Enav”. “Mercati, tensione anche sull’Italia. Letta: ‘Turbolenze preoccupanti’”.

IL TEMPO – “Vi odio, cari studenti”. “Solo diritti nessun dovere”. “La peggiore gioventù della protesta”. “Wikileaks promette l’epidemia bancaria”. “L’antiamericanismo dei pettegoli”. “Sondaggio: il Pdl e gli alleati al 43%”.

“L’UNITA’ – “La grande guerra”. Sotto: “Pompei, di crollo in crollo: ora tocca al ‘Moralista’”. “America, l’illusione di essere ancora primi”. (red) (leggi nel Quotidiano)

Massimo Fini vs Paolo Guzzanti

Deficit Italia. Per la Ue non ci siamo