Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Il Giorno della Memoria (a senso unico) - FREE

Un paradosso inaccettabile e sottovalutato, fino alla rimozione: quegli stessi Ebrei che hanno subito le persecuzioni naziste si ostinano ad accanirsi contro i Palestinesi

di Alessio Mannino 

Circola in Rete un fotomontaggio che mostra l’ingresso del lager di Auschwitz con la scritta “Benvenuti in Palestina”. Il ricordo dell’orrore per il genocidio nazista degli ebrei, infatti, non può far passare sotto silenzio l’orrore per la tragedia attuale dei palestinesi, vittime dei figli e nipoti di quegli stessi ebrei perseguitati e sterminati sessant’anni fa (ma gli zingari, gli omosessuali, gli oppositori politici, i lavoratori forzati, morti a milioni sotto la svastica, non li ricordiamo mai?). 

Proprio perché discendenti di un’agghiacciante e mostruosa esecuzione razziale di massa, gli Israeliani si sono doppiamente macchiati di un terribile torto morale: aver oppresso, conculcato e affamato un intero popolo che aveva l’unica colpa di vivere nella biblica “Terra Promessa”, in realtà avamposto strategico per l’Occidente in un Medioriente ricco di petrolio. Ieri i criminali razzisti erano i tedeschi, oggi sono loro. È Israele, dal 1945 a oggi, lo Stato più razzista del mondo. Tanto che la destra di Netanyahu al potere vorrebbe imporre il riconoscimento di Israele come “Stato del popolo ebraico”, che implicherebbe limitazioni ai diritti della minoranza araba se non addirittura la sua espulsione. 

È un paese, la democrazia israeliana, che definire sciovinista e guerrafondaia è poco. Ha sistematicamente violato le delibere Onu che non gli aggradavano a cominciare dalla spartizione dei territori datata 1947, ha via via occupato nei decenni, scatenando conflitti su conflitti militari, le terre abitate dagli arabi fino a ridurle a tre aree grandi come francobolli (Gerusalemme Est, Cisgiordania, Striscia di Gaza), ha mantenuto la popolazione in uno stato di occupazione belligerante permanente, non facendosi scrupolo di massacrarla con vere e proprio operazioni di guerra (come la sanguinosa “Piombo fuso” di due anni fa) e ammassando  4 milioni di profughi strappati dalle loro case, ha impedito che si formasse un’economia capace di far sopravvivere dignitosamente i cittadini della Palestina chiudendoli in ghetti sottoposti ad embargo, come a Gaza. Da ultimo ha deciso di continuare l’espansione dei propri coloni in Cisgiordania facendo saltare anche l’ultimo accordo di pace, e ha favorito la feroce lotta intestina fra forze politiche palestinesi, con l’Anp di Abu Mazen da due anni illegittimamente al governo dopo la regolare vittoria alle elezioni dei fondamentalisti islamici di Hamas, non riconosciuta da Tel Aviv e dagli Americani perché, incorruttibili, non sono disposti a chinare la testa. 

Il peso di lutti, sofferenze e privazioni che gli Israeliani hanno inflitto al popolo palestinese grava come un macigno di dolore che oggi, in questo istante, in questo momento storico, nello stesso giorno di commemorazione degli ebrei finiti nelle camere a gas, schiaccia e inchioda sotto la sua tremenda responsabilità gli eredi della Shoah. Ricordare è un atto che serve alla coscienza dell’uomo pensante e libero, e noi certamente riconosciamo nei campi di concentramento hitleriani l’abnormità tutta moderna di una distruzione pianificata con metodi industriali; ma la memoria obbligata e celebrativa diventa un esercizio di insopportabile ipocrisia quando contemporaneamente viene dimenticata la schiavizzazione in atto di un intero popolo, che per giunta, con perfida ironia della storia, è seviziato da un altro che fu vittima di quella stessa, immane ingiustizia. 

Se poi, in modo ancora peggiore, il ricordo viene sciaguratamente sfruttato per giustificare ogni belluria commessa dallo Stato sionista, una siffatta memoria si degrada a indecente arma di ricatto politico. In pratica, se osi accusare gli ebrei pur avendo tutte le buone ragioni possibili, vieni automaticamente bollato come antisemita e zittito senza che ti portino uno straccio di contro-argomento. Davvero non fatichiamo a immaginarci le anime degli israeliti trucidati ad Auschwitz, a Mauthausen, a Treblinka e negli altri lager, guardare con triste ribrezzo le turpi azioni, degne dei nazisti, compiute in loro nome. 

Alessio Mannino

Masi. Partì per suonare...

Berlusconi solo. E tristemente. Per lui (27/01/11)