Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Rassegna stampa di ieri (26/10/2011)

Indice

Politica e Informazione

Ecologia e Localismo

  • Per un nuovo sistema alimentare
    di Sara Seganti
    Fonte: Altrenotizie [scheda fonte]
    I contadini e i piccoli produttori agricoli hanno qualcosa da dire sul futuro dell’agricoltura e sullo stato di crisi alimentare che preoccupa gli osservatori internazionali. E lo hanno ribadito di fronte ai governi di tutto il mondo durante l’ultimo round di negoziati del Comitato per la sicurezza alimentare alla Fao, che si è concluso a ... segue 
  • Prevenzione dimenticata
    di Mario Tozzi
    Fonte: La Stampa [scheda fonte]
    Buoni ultimi in Europa, gli italiani sembrano scoprire, nell’autunno 2011, che il regime delle piogge è cambiato. Non ci sono più le pioggerelline invernali, né le rugiade primaverili. No, qui deflagrano vere e proprie bombe d’acqua. Bombe d’acqua che scaricano in poche ore la stessa quantità di pioggia che un ... segue 
  • La roba pesante della modernità
    di Marco D’Eramo
    Fonte: Il Manifesto [scheda fonte]
    Il «dizionario tecnico-ecologigo delle merci» di Giorgio Nebbia è un piacevole e dotto esempio di una storia del presente scandita dai materiali che l'hanno contrassegnato Divertente è un aggettivo che non si predica di solito per un vocabolario, non più che per un elenco telefonico. Eppure è proprio piacevole ... segue 
  • Arriva ‘spOILed’ e in America scoppia la polemica per il documentario pro-petrolio
    di Andrea Bertaglio
    Fonte: Movimento per la Decrescita Felice [scheda fonte]
    “I combustibili fossili sono meravigliosi”, nonostante quel che si dice di loro. Ad affermarlo è il documentarista Mark Mathis, che con il suo ultimo lavoro promette di rivelare le “complete bugie” sul petrolio diffuse in questi ultimi anni da “media, politici ed attivisti ambientalisti”. Per l’autore americano è tempo ... segue 

Economia e Decrescita

  • E' nostro interesse capire come fermare un'altra grande depressione
    di George Monbiot
    Fonte: Come Don Chisciotte [scheda fonte]
            Quando un uomo come Steve Keen afferma che i milioni di milioni spesi per il rifinanziamento delle banche ci ha fregato è veramente il caso di ascoltarlo. Uscii barcollando nel sole autunnale, le cifre mi rimbombavano ancora nella testa e cercavo ancora di capire quello che avevo sentito. Mi sentivo come se avessi partecipato a un funerale: un ... segue 
  • Il dollaro al centro della crisi
    di Alain de Benoist
    Fonte: Diorama Letterario [scheda fonte]
    Per molti economisti, una delle cause della crisi sistemica globale cui attualmente assistiamo, dipende dal crollo del sistema di Bretton Woods fondato sul dollaro americano come perno del sistema monetario internazionale, e più particolarmente da ciò che l’economista cinese Xu Xiaonian ha definito «sovraemissione di moneta della Riserva Federale». Édouard ... segue 

Internazionale, Conflitti e Autodeterminazione

  • 10 osservazioni geopolitiche sull'occupazione della Libia
    di Luigi Ambrosi
    Fonte: Come Don Chisciotte [scheda fonte]
            L' esecuzione di Gheddafi e l'occupazione della Libia ricorrendo al governo fantoccio del CNT chiudono, per ora, l'ennesima operazione imperialista delle principali potenze ex-coloniali. L'intero fronte dei vincitori occidentali della seconda guerra mondiale (USA, GB, Francia) si è ritrovato unito per banchettare sulle risorse di uno ... segue 
  • Guerre. E adesso... il resto dell'Africa
    di Debora Billi
    Fonte: crisis.blogosfere [scheda fonte]
    Racconta John Pilger, celebre giornalista del Guardian, dell'Independent e molti altri, che gli Stati Uniti hanno annunciato l'invio di nuove truppe in Africa. La prima nazione a beneficiare della trasferta militare è l'Uganda, dove "l'aiuto umanitario" (parole di Obama) è vòlto a combattere la stravagante LRA, "Esercito di Resistenza del ... segue 
  • Quel vizio di chiudere la bocca ai vinti
    di Luigi G. de Anna
    Fonte: Rinascita [scheda fonte]
    Ei fu. Sarebbe facile ricordare le amare parole di Alessandro Manzoni scritte in occasione della morte del dittatore Napoleone Bonaparte. Oggi non sono più i poeti a trasmettere le emozioni. La televisione ci ha mostrato le immagini di Muammar Gheddafi, prima catturato, poi ferito e poi ucciso, in una sequenza terribile ed agghiacciante, ripetutasi col figlio Mutassim. Arriva così a ... segue 
  • Nel nome dei diritti umani
    di Gianfranco Campa
    Fonte: Conflitti e strategie [scheda fonte]
    Ora che Gheddafi è morto, ucciso senza nemmeno un processo, e le bombe della NATO, dispensatrici di supposta democratica, hanno cessato di cadere, è giunto il momento di chiarire la confusione presente tra gli analisti geopolitici e dei mass media riguardante l’attuale politica estera americana, soprattutto quella concernente le operazioni militari strategiche. Quando ... segue 
  • Oltre la Libia e la morte di Gheddafi: ricolonizzare l’Africa per colpire la Cina
    di Francesco Brunello Zanitti
    Fonte: eurasia [scheda fonte]
    L’intervento della NATO in Libia, nel contesto della “primavera araba”, dimostra ancora una volta come l’Occidente non abbia abbandonato i suoi disegni egemonici. Nonostante il fenomeno delle sommosse sia complesso, la “guerra umanitaria” e la difesa difforme delle rivolte a seconda del contesto in nome della democrazia cela interessi geopolitici ben precisi e ... segue 

Cultura, Filosofia e Spiritualità

Storia e Controstoria

  • Veneto: Stato o nazione?
    di Alessio Mannino
    Fonte: alessiomannino.blogspot.com
    Interessante il botta e risposta sul Corriere della Serafra il governatore leghista del Veneto, Luca Zaia, e il costituzionalista Michele Ainis. Nel suo ultimo fondodi domenica, quest’ultimo aveva sottoposto ad una serrata critica il nuovo Statuto della Regione guidata dall’alleanza Lega-Pdl, individuandone contraddizioni e incongruenze. Alcune osservazioni sono ... segue

Il (dis)onore del Generale Tricarico, che è sdegnato delle risate di Sarkozy

FLASH: il Bundestag dice sì al Fondo ma mette forti paletti