Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Il premier libico è un uomo della British Petroleum. Naturalmente

abdurrahimEl-Keib vicino alle compagnie petrolifere anglo-francesi. In passato le sue attività furono finanziate da agenzie Usa. La democrazia in vendita alla pompa del carburante.

da globalist.it.

La Libia Liberata puzza sempre più di petrolio occidentale. Come aveva rivelato Globalist, era stata l'Italia a fare il colpo più appariscente con l’ex ‘executive manager’ dell’Eni, Abdulrahman Ben Yezza, nominato ministro nel ruolo chiave di titolare del Petrolio. In realtà, nella singolare disattenzione della stampa internazionale, il colpo gobbo negli interessi petroliferi è targato British Petroleum e Total francese. Riconoscimento dovuto ai veri promotori dell'intervento armato occidentale contro la Libia di Gheddafi? 

(leggi tutto)

Benzina alle stelle, ma sono solo tasse

Durban: come volevasi dimostrare, un nulla di fatto