Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Battisti libero: l'italietta non conta veramente più nulla

È semplicemente intollerabile quanto deciso dal Brasile in merito alla scarcerazione di Cesare Battisti, l'assassino terrorista rosso ancora impunito, che in fuga perenne da un paese all'altro, tra una conferenza stampa e la presentazione di un libro, riesce ad evitare, ancora oggi, di essere processato per i delitti risalenti agli anni di piombo.

Oggi il Brasile ha negato per l'ennesima volta la sua estradizione in Italia, e ora Battisti è nuovamente a piede libero. Cioè fatalmente ancora in fuga.

È intollerabile che vengano bombardati paesi sovrani, che sia data la caccia a Presidenti in carica, che il Tribunale Penale Internazionale punisca e uccida questo o quel rais (il che è tutto dire) mentre allo stesso tempo non si riesca ad avere una sacrosanta estradizione e uno straccio di giustizia per i familiari delle vittime di Cesare Battisti.

È intollerabile la pochezza del nostro Paese in tale circostanza, come  siamo trattati nel mondo e i miagolii dei nostri esponenti politici, commentando la notizia, fino a quello del Presidente della Repubblica.

È intollerabile, infine, che tra tanta pochezza riesca a svettare addirittura Calderoli, che in merito ha pronunciato forse la frase più forte, proponendo di "boicottare i mondiali del 2014" che si svolgeranno appunto in Brasile. Quanto meno la nostra nazionale di calcio non dovrebbe proprio partire per il paese sudamericano. 

Molto più semplicemente, dovrebbero essere interrotti immediatamente tutti i canali diplomatici e chiusa l'Ambasciata brasiliana in Italia.

In merito a Battisti c'è poco altro da dire, e lo abbiamo già fatto in altre circostanze: che si debbano chiudere i conti con il passato è cosa giusta, a patto che qualcuno - ovvero i colpevoli - li paghino, questi conti.

 

Valerio Lo Monaco

 

PS A occhio e croce, sarà intollerabile anche per Berlusconi scoprire che vale di più l'avvocato di Battisti rispetto alla pletora dei suoi superpagati legali...

È uscito il numero di giugno 2011 (33) de La Voce del Ribelle - Sommario

Più povertà, meno welfare