Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Ue: i rating non sono imparziali

La fonte è autorevole, trattandosi del Commissario Ue per gli Affari economici Olli Rehn, e Il virgolettato è molto esplicito: «Le agenzie di rating non sono istituti di ricerca imparziali ma hanno i loro interessi e svolgono il loro ruolo molto in linea con il capitalismo finanziario Usa».
Tuttavia, è vietato entusiasmarsi e pensare a una vera e propria inversione di tendenza, sia pure tardiva. La dichiarazione, infatti, fa parte di un’intervista a una tv finlandese. Più che un atto politico, un guizzo mediatico.

Lombardia: la Regione degli onesti…

Draghi: «La crisi è peggiorata»