Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Tibet. Violenza cinese, indifferenza occidentale

La repressione della Cina contro il Tibet, invaso decenni fa, continua: lunedì la polizia ha aperto il fuoco sulla protesta che sta scuotendo il paese, uccidendo una persona e ferendone almeno trenta, ma le diplomazie occidentali tacciono e la stampa non invoca sanzioni.

La brutalità cinese in Tibet non ha nulla da invidiare a quella di Assad, ma l’occidente non tuona sanzioni, né minaccia interventi militari, almeno per tutelare i tibetani nella loro terra occupata: la marina USA si muove solo per proteggere i suoi interessi economici nello scacchiere del Pacifico.

Nessuno si scandalizza di questa inazione, né, tantomeno, invoca, a destra come a sinistra, azioni di forza o economiche per salvaguardare i diritti umani in Cina. Forse che quando c’è libertà di commercio tutte le altre diventino insignificanti?

La si potrebbe chiamare “ipocrisia di mercato”. Una specialità occidentale.

(fm)

Globalizzazione del Kansas City

Iran. Sanzioni con retroscena