Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

«Spread, potente motore di riforma»

Draghi dixit. Ma si dimentica un interessante dettaglio

Solo dieci giorni fa, il 16 gennaio, Mario Draghi aveva seminato foschi presagi, affermando che «La crisi è peggiorata» e invocando ulteriori sforzi e ulteriori misure.

Oggi, invece, suona le campane a festa. Uno, «sappiamo di aver evitato un'enorme crisi di liquidità». Due, «È sbalorditivo. Fra la situazione di oggi e quella degli ultimi cinque mesi, la zona euro è tutto un altro mondo». Tre, lo spread è «un potente motore di riforma».

E chi lo accende o lo spegne, questo miracoloso motore? Chissà.

Rassegna stampa di ieri (27/01/2012)

Egitto, in 200 attaccano ambasciata Siria