Ottima scelta

Se sei arrivato qui allora sei uno degli ultimi esemplari viventi di Homo Sapiens. Buona lettura.

Punti di spread pagati col sangue

Monti: "Costretti a misure brutali". Brutali per noi. A favore dei "mercati"

E a favorire i suoi amici speculatori, dalla Goldman Sachs alle Borse alle Banche Centrali. A pagare? I cittadini.

Tutti a brindare per lo spread in calo: vero, siamo a 312, il minimo da sette mesi a questa parte. Certo, non siamo a 100 e neanche a 200, ma pur sempre oltre 300. Eppure il dato resta: rispetto gli oltre 500 punti di fine 2011, adesso il nostro spread è su valori nettamente più bassi.

La domanda da porsi però è la seguente: al di là dei titoli roboanti dei telegiornali e dei giornali mainstream, è davvero una buona notizia? A fare due conti diremmo proprio di no.

di Valerio Lo Monaco Nel Quotidiano

Merkel spinge per dare la sovranità alla finanza

Grecia: ancora uno sciopero generale